×

Torta salata poco cotta uccise una donna e intossicò 31 persone: chef condannato

Torta salata poco cotta uccise una donna e intossicò 31 persone: chef condannato per un pasticcio di carne decisamente troppo "pasticciato"

Torta velenosa e intossicazione nel Regno Unito

Una torta rustica poco cotta uccise una donna e intossicò 31 persone ad un pranzo parrocchiale nel Regno Unito: per quel crimine di colpa è stato condannato lo “chef” John Croucher ha ammesso le sue responsabilità per quella tragedia del 2018.

La cena in questione di svolse al Crewe Arms, un pub di Hinton-in-the-Hedges, nel Northamptonshire, dove i fedeli della parrocchia si erano riuniti. 

Torta salata uccise una donna: chef condannato per una cena parrocchiale fatale

Il guaio grosso ci fu quando Croucher, incaricato di confezionare una torta e titolare del locale, la preparò per sua ammissione con troppa fretta, non la cosse bene e la carne al suo interno non perse la sua carica virale e in più venne avvolta da un’onda di purè bollente che pare aumentò il potere intossicante del pasticcio. 

Cosa non andava nella torta salata che uccise una donna ed avvelenò decine di persone

Il risultato? Lo ha riassunto il giudice Sarah Campbell nel preambolo al dispositivo di sentenza con cui dopo le indagini della polizia ha condannato il cuoco a 4 mesi di carcere ed alla sospensione dell’attività per un anno. Ha spiegato la toga:  “L’8 ottobre 2018, 35 abitanti del villaggio sono andati a Crewe Arms per una cena di beneficenza. Trentadue persone mangiarono la torta del pastore. Una persona sana è morta per un’emorragia gastrointestinale indotta dal vomito”. 

L’ammissione di colpa e il rimorso del condannato per quella torta salata che uccise una donna di 92 anni

Chi morì? La 92enne Elizabeth Neuman, mentre altre 31 persone rimasero intossicate e molte si salvarono perché vegetariane. E il condannato ha dichiarato: “Odio dirlo, odio davvero dirlo, ma penso di essere stato frettoloso. Andavo di fretta. Dire che provo  rimorso è un eufemismo. Questo è qualcosa che non dimenticherò mai. Per questo motivo oggi sono uno chef migliore”. Meno male.

Contents.media
Ultima ora