×

Toscana, Giani: pronti provvedimenti contro operatori sanitari che non vogliono vaccinarsi

Sono pronte le lettere nei confronti di 4.500 sanitari no-vax della Toscana. Dure le parole sui social del presidente della Regione nei loro confronti.

Eugenio Giani, vaccini Covid Toscana

Dure misure da parte della regione Toscana nei confronti dei sanitari non disposti a vaccinarsi. In modo lapidario, Eugenio Giani, il presidente della Regione, ha annunciato la sospensione dei sanitari no-vax

Toscana, dichiarazioni di Giani contro i sanitari no-vax

Leggi anche: Toscana, ricorso al Tar di mille operatori sanitari contro l’obbligo dei vaccini anti-covid

Giani ha annunciato i nuovi provvedimenti attraverso anche i suoi account social ufficiali. “Stanno partendo le lettere che saranno spedite a circa 4.500 persone“, ha detto. “Chi non intende vaccinarsi non può prendersi cura degli altri“. 

Ha poi continuato affermando: “Non posso concepire il fatto che ci siano medici o infermieri che non si vaccinano per scelta, nonostante la professione che svolgono.

Saremo rigorosi nel rispetto della legge: noi consentiamo a tutti di rivedere le proprie scelte, di avere i tempi per farlo ma poi quando si tirano le somme non ci sono deroghe. Nel momento in cui entro in ospedale per curarmi devo sentirmi sicuro che non prendo un virus, ma che anzi guarisco“.

Inoltre, il presidente della Regione ha definito il 30 settembre come importante data limite. Ha infatti affermato: “Lotterò fino alla fine con coloro che non si vogliono fare il vaccino.

Il nostro è un atteggiamento di assoluto rispetto fino al 30 settembre, dopo tiriamo le somme della nostra campagna vaccinale e chi non ha fatto il vaccino non ha più scuse“.

E ancora: “Chi non ha fatto il vaccino stia a casa: queste persone non si provino a venire nei luoghi pubblici perché la loro non vaccinazione per scelta è una cosa inconcepibile nell’economia e nell’interesse di una comunità che vuole superare l’emergenza sanitaria“.

Toscana, le parole dei sindacati 

Fp Cgil Firenze si è presto esposto nei confronti dell’intera vicenda. Lo ha fatto rendendo pubblica una nota. In essa ha espresso il suo sostegno nei confronti della manovra della Regione. Ha, però, esternato pure la sua preoccupazione nei confronti dei problemi che potrebbe portare una carenza di personale.

In queste ore gli enti preposti stanno inviando le lettere di intimazione al personale sanitario che non ha ancora aderito alla campagna vaccinale. Come previsto dalla legge n. 75 del 28 maggio 2021 coloro che non si vaccineranno dovranno essere ricollocati o sospesi dal servizio. Ferma restando l’applicazione della legge, siamo molto preoccupati per gli effetti che le sospensioni potranno avere sul sistema sanitario e l’organizzazione dei servizi se, insieme all’applicazione della legge 75, non vengano messe in atto delle azioni per gestire gli effetti“.

Leggi anche: Katia, morta di covid a 30 anni: la Procura di Lucca apre un’inchiesta per omicidio colposo

L’ente ha poi dichiarato che l’unica strada percorribile è quella di trovare subito dei lavoratori che prendano il posto di quelli no-vax. Ciò in tutte le aziende che prevedono di avviare sospensioni o ricollocamenti.

Come organizzazione sindacale – ha detto Fp Cgil Firenze – riteniamo necessario che, a prescindere dalla strada che le aziende intraprenderanno, ricollocazione o sospensione, riteniamo essenziale che il personale che verrà spostato dai servizi a contatto con l’utenza dovrà essere sostituito immediatamente“.

L’organizzazione ha poi concluso sottolineando: “Il tema della sostituzione del personale ci preoccupa ancora di più se lo inseriamo in una fase di blocco delle assunzioni che è in atto nelle nostre aziende e che a nostro avviso è insostenibile. Le assunzioni che sono state fatte lo scorso anno sono servite per aprire nuovi servizi necessari dalla pandemia e rafforzare alcuni servizi esistenti, dopo anni di disinvestimento nazionale e riduzione del personale“.

I dati della Toscana sulle vaccinazioni

Ad oggi, in Toscana sono stati utilizzati 4.770.104 dosi di vaccino. Secondo i numeri riportati dallo stesso Giani, vi sono ancora “un milione” di persone non immunizzate. “Di questi – ha spiegato il presidente – 500mila non saranno mai vaccinati, mi riferisco ai bambini da 0 a 12 anni e alle persone con particolari patologie“.

Dati Covid della Toscana

L’ultimo bollettino, uscito alle ore 12 del 27 agosto, riporta che in Toscana si sono identificati altri 752 individui infetti dal Covid-19. I test molecolari ne hanno trovati 728 mentre quelli rapidi antigenici 24. Le persone che attualmente risultano colpite dal virus sono in tutto 11.586.

447 malati di Covid si trovano al momento ricoverati in ospedale. Questo segna un aumento di 7 unità rispetto al 26 agosto. Tra questi individui, 46 sono in terapia intensiva, con una crescita di 3 rispetto al giorno precedente.

Altre 4 persone hanno perso la vita a causa del virus. Si tratta di 2 donne e 2 uomini anziani. Infine, gli individui risultati nuovamente negativi sono lo 0,4% in più rispetto al 26 agosto.

Leggi anche: Coronavirus, bilancio del 27 agosto 2021: 7.826 nuovi casi e 45 morti in più

Contents.media
Ultima ora