×

TOTTI RINGRAZIA LA SORTE, RANIERI ASPETTA IL TRENO

La conferenza stampa del mister giallorosso Claudio Ranieri si apre con una battuta sul sorteggio di Champions League. A Nyon la sorte premia la Roma. Niente Chelsea o Blaugrana, ma gli ucraini di Mircea Lucescu. Squadra tecnica che gioca un ottimo calcio grazie a ottime individualità in campo, questo è lo Shakhtar Donetsk secondo l’allenatore trasteverino, impegnato domani sera nel match con la capolista Milan. Il pubblico dell’Olimpico per gli ottavi di finale avrà il suo spettacolo. Sperando nel recupero delle aspettative, in chiave europea come in quella del campionato nostrano, lo spogliatoio giallorosso è pronto a sfidare in casa una squadra con il sesto titolo nazionale già in tasca, con 11 giornate di anticipo, e che si è ritrovata al primo posto del girone, scavalcando un reggimento come quello dei Gunners dell’Arsenal.

Lo Shakhtar, novello nella più prestigiosa competizione europea, si avvale di un team quasi interamente straniero: dalla stella brasiliana Luiz Adriano al croato Eduardo Alves da Silva (chiare le origini sudamericane), giovane talento che dopo l’infortunio costatogli la fiducia di Wenger, è pronto ad essere protagonista sul grande palco internazionale proprio contro la Roma. Nel frattempo, Ranieri deve districarsi tra i soliti malumori nello spogliatoio per le alternative soluzioni tecniche, cambi di ruolo e posizione. I 10 punti di distacco dal Milan, rafforzatosi con l’acquisto in extremis di Cassano, possono pesare sulle motivazione della squadra capitolina, visto che anche il mister ribadisce la necessità di nuovi stimoli per il 2011. Intanto Vucinic è ancora infortunato all’adduttore e non partirà con il resto della squadra, Adriano è nelle lista dei desideri, Pizarro fatica al recupero graduale, Doni è preferito a Julio Sergio (ancora contestato dal pubblico romanista).

Dopo la vittoria di misura sul Bari e il brindisi imbiancato a Trigoria della dirigenza, l’appuntamento è per domani sera ore 20.45 con i -5° gradi previsti sul campo di San Siro. Che sia o meno l’ultimo treno utile per recuperare qualche punto in classifica, il dictat è uno: dare il massimo.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Caricamento...

Leggi anche