Traghetto si rovescia perchè troppo affollato, 126 morti
Traghetto si rovescia perchè troppo affollato, 126 morti
Esteri

Traghetto si rovescia perchè troppo affollato, 126 morti

Tanzania

In Tanzania un traghetto sovraccarico si è rovesciato nel lago Vittoria. Anche se accaduto a 50 metri dalla riva, si temono fino a 200 morti.

Tragico incidente sul lago Vittoria, in Tanzania. Un traghetto con a bordo centinaia di passeggeri, infatti, si è improvvisamente capovolto, causando la morte di 126 persone. Molti passeggeri però risultano ancora dispersi e si teme che il bilancio delle vittime possa salire almeno a duecento.

Naufragio sul lago Vittoria

Stando alle prime ipotesi il traghetto, che si è rovesciato a circa 50 metri dalla riva nei pressi dell’isola di Ukara, era probabilmente sovraccarico. E’ possibile che il ribaltamento sia stato causato quando, per motivi da accertare, un gran numero di passeggeri si è spostato su un lato della nave.

I media locali sostengono che la capacità ufficiale del traghetto era di 100 persone, ma le forze di polizia che stanno indagando sull’incidente riferiscono che a bordo c’erano almeno 400 passeggeri. Inoltre, pare che l’imbarcazione trasportasse anche diverse merci, tra cui sacchi di cemento e mais.

La nave attraversava ben otto volto al giorno il lago Vittoria, trasportando le persone dalle isole di Ukara a Mwanza, la seconda città più grande della Tanzania.

Si ipotizza che il traghetto fosse particolarmente affollato perché era il giorno di mercato a Bugorora, città sull’isola di Ukerewe.

Non è la prima volta che la Tanzania è in lutto per un incidente nautico. Nel 1996 più di 800 persone morirono quando, anche allora, si rovesciò una nave nel lago Vittoria. Nel 2011 invece persero la vita per un naufragio al largo dell’isola di Zanzibar nell’Oceano Indiano 200 persone. L’anno successivo invece almeno 145 persone sono decedute quando un traghetto, sempre troppo affollato, è affondato mentre viaggiava verso l’isola di Zanzibar.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche