> > Trebes, esultò per la morte del macellaio: vegana condannata

Trebes, esultò per la morte del macellaio: vegana condannata

trebes

La gendarmirie di Saint-Gaudens ha arrestato una militante vegana che ha esultato su Facebook per la morte del macellaio Christian Medves

Le forze dell’ordine francesi hanno arrestato una estremista vegana.

La donna aveva pubblicato un post gioioso sulla morte di Christian Medves, ucciso nel supermercato di Trebes, nel sud della Francia. Il motivo della soddisfazione della donna è dato dal fatto che la vittima in questione faceva di mestiere il macellaio. La vegana, pertanto, ha affermato che non provava nessuna compassione. Anzi, ha affermato che è stata fatta giustizia. Adesso, oltre al fermo, con ogni probabilità ci sarà pure il processo.

Trebes vegana arrestata

L’odio non conosce confini razziali, religiosi, filosofici e sociali. Anche chi non è direttamente coinvolto in drammi e da essi non ha nessun vantaggio può esultare. È il caso di una donna estremista vegana. Alla notizia che tra le vittime dell’attentato terroristico di Trebes c’è un macellaio, tale Christian Medves, la nostra protagonista ha esultato. Sul suo profilo di Facebook ha infatti scritto: “Vi chocca che un assassino si faccia uccidere da un terrorista? Io ho zero compassione per lui.

Alla fine esiste pure una giustizia”. Il post è stato rimosso poco dopo. Ma non abbastanza in fretta, perché è stato denunciato. La procura di Foix aveva deciso di aprire un’inchiesta per apologia al terrorismo. Ieri, la gendarmerie di Saint-Gaudens ha arrestato la donna.
Due giorni fa invece, un ex candidato della France Insoumise, un partito di estrema sinistra alle elezioni legislative dello scorso anno, Stephane Poussier, è stato condannato a un anno di prigione con la condizionale in seguito ai suoi inopportuni tweet.

Nei suoi post, l’uomo provava soddisfazione della morte di Arnaud Beltrame, il gendarme eroe ucciso durante l’attentato.

Esequie vittime

Ieri hanno avuto luogo anche le esequie private delle quattro vittime dell’attacco. Oltre al macellaio Christian Medves, le altre vittime dell’attentato di Trebes sono Jean-Michel Mazieres, Hervé Sosna ed il gendarme eroe Arnaud Beltrame. Ieri mattina, le tre vittime civili sono state ricordate a Trèbes, con la presenza del primo ministro Edouard Philippe e Gerard Collomb, titolare dell’Interno.

Mercoledì 28 marzo, il presidente della repubblica francese Emanuel Macron ha reso ufficialmente omaggio a Arnaud Beltrame ed al suo eroismo con una cerimonia a Les Invalides. Si tratta del complesso monumentale a parigino dove sono ricordate le persone o che hanno dato la vita per la Francia.

Attentato Trebes

Il fattaccio ha avuto luogo lo scorso 23 marzo. In un supermercato di Trebes un uomo, tale Radouane Lakdim, proclamatosi militante dell’Isis, ha preso in ostaggio delle persone in un supermercato. Quattro sono state uccise dal terrorista, molte altre sono state gravemente ferite. Arnoud Beltrame era uno dei gendarmi che si trovavano sul posto (in tutto erano in due). L’uomo si è offerto volontario come ostaggio al posto di una donna. Grazie alla presenza del poliziotto all’interno del supermercato, la Polizia ha potuto seguire passo per passo ciò che accadeva, per mezzo del telefono cellulare di Beltrame lasciato in collegamento con la centrale. Il gesto eroico del gendarme ha commosso tutto il mondo.
La polizia è intervenuta nel supermercato solo dopo aver avvertito degli spari. L’azione è terminata in meno di 10 minuti. Durante l’intervento della polizia, Arnaud Beltrame, durante il periodo di ostaggio nel supermercato, è rimasto ferito gravemente, e ha lottato per restare in vita. Ma non ce l’ha fatta.