> > Treviso, una 14enne scopre di essere erede di un milionario: causa per l'ered...

Treviso, una 14enne scopre di essere erede di un milionario: causa per l'eredità

Palazzo di Giustizia

Una 14enne ha scoperto di essere figlia di un milionario, deceduto. La madre ha avviato cause legali per far rientrare la figlia nell'eredità.

Una 14enne ha scoperto di essere figlia di un milionario, deceduto.

La madre, che ha avuto una relazione extraconiugale con questo ricco imprenditore, ha avviato cause legali per far rientrare la figlia nell’eredità. 

Treviso, una 14enne scopre di essere erede di un milionario: causa per l’eredità

Una ragazzina di 14 anni ha scoperto da poco di essere figlia di una relazione extraconiugale tra la madre e un ricco imprenditore, che ora è deceduto. La donna ha avviato una serie di cause legali per far rientrare la ragazza nell’eredità lasciata dall’imprenditore.

Una anche con il suo attuale compagno, che aveva riconosciuto la figlia della donna e ora potrebbe vedersi togliere la potestà. Tutto è iniziato da una vecchia relazione extraconiugale tra la donna, di 56 anni, all’epoca segretaria, e il suo datore di lavoro, sposato e con due figli. Nel 2008, secondo quanto raccontato dalla donna, è nata una bambina che l’imprenditore aveva accettato come figlia, ma non aveva riconosciuto legalmente.

C’era stato il sostentamento economico e anche emotivo. Era rimasto in contatto con la donna e con la ragazza stessa. 

La battaglia per l’eredità

La relazione extraconiugale è terminata, la donna ha trovato un altro compagno, che ha deciso di riconoscere legalmente la figlia di lei. Nel 2019 l’imprenditore è morto e la donna si è presentata alla famiglia per chiedere parte dell’eredità che spettava alla figlia, ma le è stata negata.

Ci sarebbero stati dei tentativi di mediazione, tutti falliti, quindi la vicenda è finita in tribunale. La 14enne ha scoperto quello che sua madre le aveva nascosto da sempre, ovvero che quel signore che incontrava da quando era piccola era il suo vero padre. Ci sarà bisogno di un esame del Dna, che la madre della giovane ha spiegato di aver già fatto subito dopo la nascita della piccola, per dimostrare al suo amante che era il padre biologica.

Dovrà anche essere revocata la potestà dell’attuale compagno della donna. Una vicenda legale davvero molto difficile.