×

Trofeo Berlusconi: zero gol, poco gioco

Condividi su Facebook

C’era una volta il Trofeo Berlusconi vera anticipazione del campionato, con il duello Milan-Juve destinato a caratterizzare tutta la stagione. Altri tempi, quando questo era il vero appuntamento dell’estate: oggi, invece, con amichevoli tutti i giorni, la gara ha perso molto del suo fascino. Al resto c’ha pensato l’attuale momento delle due squadre, protagoniste di una delle edizioni più scialbe di sempre.

Dopo lo 0-0 del 90′ la spuntano i bianconeri ai rigori (fatale l’errore di Thiago Silva) ma per entrambe, ad una settimana dalla prima di campionato, i segnali confortanti sono pochi: ritmi blandi, difficoltà a rendersi pericolose ed una generale sensazione di impotenza, soprattutto al confronto con quanto visto ventiquattro ore prima nello stesso stadio, un Inter-Roma che ha confermato la miglior condizione fisico-tecnica di entrambe.

Qualcosa di più ha fatto il Milan, passato al 4-3-3 in attesa di collocare Ibrahimovic (il suo arrivo è sempre più probabile) nello scacchiere di Allegri. I tagli di Pato e la regia di Pirlo le note migliori della serata, ma nel secondo tempo è uscita la Juve, apprezzabile per ordine tattico ed impegno, molto meno per la pericolosità offensiva. Diego ed Amauri non sono all’altezza dei reparti d’attacco delle rivali: Marotta e Delneri lo sanno bene, ed allora prepariamoci a qualche altro colpo a sorpresa dei bianconeri nell’ultima settimana di mercato, oltre a quello di Aquilani che, già sbarcato a Torino per visite mediche e firma sul contratto (prestito con diritto di riscatto fissato a sedici milioni) aggiunge sì qualità ma apre la concorrenza a centrocampo, dove sono in quattro per due posti.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.