Trump: divieto di accesso ai transgender nelle Forze armate
Esteri

Trump: divieto di accesso ai transgender nelle Forze armate

Trump

Donald Trump annuncia che i transgender non potranno fare parte delle forze armate americane, e lo fa attraverso un tweet. La notizia ha già sollevato clamore e numerose polemiche.

Il presidente americano Donald Trump continua con il suo programma contro l’operato di Barack Obama. Questa volta ha annunciato di aver deciso che i transgender non potranno servire nelle forze armate americane. La notizia sta già sollevando molte critiche.

Nuova decisione di Trump che si oppone al programma dell’ex presidente Obama

La notizia è stata annunciata direttamente dal presidente Trump e lo ha fatto attraverso un tweet in cui scrive “Dopo consultazioni con i miei generali ed esperti militari, informo che il governo degli Stati Uniti non accettera’ o consentira’… ad individui transgender di servire, in qualsivoglia ruolo, nelle forze armate degli Stati Uniti“. Il presidente inoltre prosegue “I nostri militari devono concentrarsi su decisive e schiaccianti vittorie e non possono essere oberati dai tremendi costi medici e disagi che comporta avere transgender nelle forze armate. Grazie”.

Dal primo Luglio 2016 è caduto il divieto per i transgender nelle forze armate, ultima tappa di un percorso avviato nel 2010 con l’abolizione del cosiddetto “don’t ask don’t tell”.

Le regole inerenti il reclutamento dei transgender però non erano ancora state rese effettive e l’avvio del reclutamento aveva subito uno slittamento di sei mesi. In totale, su un milione e trecentomila effettivi nelle forze armate, le persone transgender siano fra i 2.500 e i 7.000.

Si tratta quindi dell’ennesimo passo che scatena numerose polemiche da parte dei cittadini americani, appena dopo il clamore sollevato dalla volontà del presidente di abolire l’ObamaCare. In attesa del voto per la riforma sanitaria, Trump ha fatto appello ai repubblicani di non ostacolare il TrumpCare, come invece avevano già fatto i democratici.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche