> > Bracciano, donna muore durante un bagno al lago: disposta l'autopsia

Bracciano, donna muore durante un bagno al lago: disposta l'autopsia

Militari

In provincia di Roma una donna quarantatreenne ha perso la vita a seguito di un malore accusato durante un bagno nel lago di Bracciano: disposta l'autopsia, non si esclude una congestione

Tragedia in provincia di Roma. Muore di fronte agli occhi della figlia e del compagno una donna quarantatreenne. L’incidente è avvenuto lunedì 3 luglio al Parco di Bracciano. La vittima era in spiaggia insieme alla nipotina di tre anni, alla figlia di sedici e al compagno: entrata nell’acqua del lago – che possa non aver atteso il tempo necessario per la digestione? –, ha improvvisamente accusato un malore che le è stato fatale.

L’intervento dell’elisoccorso

La donna si chiamava Maria Cristina Bejenariu, era di nazionalità romena e risiedeva da anni a Roma. Scattato l’allarme, è stata dapprima soccorsa dai bagnanti in loco e poi affidata alle cure dei sanitari del 118, che si sono occupati di trasportarla in elicottero d’urgenza al policlinico Gemelli. Sotto shock la nipotina di tre anni di cui si è preso cura il compagno della vittima sin dall’intervento dei soccorsi. Sul posto anche i carabinieri della Compagnia di Bracciano.

Le indagini

Spetta ora al medico legale, intervenuto insieme ai militari dell’Arma, stabilire l’esatta causa del malore che ha portato al decesso la quarantatreenne. Non si esclude al momento che la vittima possa aver mangiato qualcosa che le abbia causato una congestione. Sarà l’autopsia a confermare o smentire qualsiasi ipotesi: disposto per mercoledì 5 luglio l’esame necroscopico.