Turista italiano cade dentro la Discesa al Limbo, ferito
Turista italiano cade dentro la Discesa al Limbo, ferito
Esteri

Turista italiano cade dentro la Discesa al Limbo, ferito

Discesa al limbo

Un uomo di 60 anni, credendo che fosse un'illusione ottica, si è avvicinato troppo alla Discesa al Limbo di Anish Kapoor, e ci è caduto dentro.

Un turista italiano di 60 anni ha fatto letteralmente esperienza di cosa vuol dire fare una Discesa al Limbo. L’uomo infatti è caduto nel buco nero profondo 2,5 metri realizzato dall’artista contemporaneo Anish Kapoor, con l’idea di far toccare ai visitatori il significato dell’oscurità umana. Una volta raggiunto il fondo, però, il 60enne si è ferito, e non solo nell’animo.

Discesa al Limbo e risalita dolorante

Brutta disavventura per un 60enne turista italiano in Portogallo. L’uomo è finito infatti nell’ ospedale S. Antonio di Porto dopo aver visitato il museo Serralves. Nella galleria, infatti, era esposta anche un’opera dell’artista contemporaneo Anish Kapoor, britannico di origini indiane. Il turista infatti si è avvicinato un po’ troppo a “Discesa al Limbo”, per capire se si trattava di un’illusione ottica o di un reale foro nel pavimento. E lo ha scoperto a sue spese.

Il 60enne infatti è caduto dentro il buco nero profondo 2,5 metri, opera ispirata dall’omonimo dipinto del 1492 del pittore rinascimentale Andrea Mantegna.

Anche se Anish Kapoor descrive la sua opera come “una discesa nell’oscurità” e non “un buco nel terreno”, il turista italiano è comunque rimasto ferito.

Contattato da La Repubblica, Fernando Rodrigues Pereira, responsabile dei rapporti con la stampa della Fondazione Serralves, ha assicurato che il 60enne sta bene e che è stato già dimesso. Il museo precisa che “tutte le misure di sicurezza sono state rispettate”, e che nella sala dove è esposta l’opera c’è un assistente che avvisa i turisti del pericolo. Pereira precisa però che “per ridurre i rischi” verrà aumentata la “dimensione visiva delle segnalazioni”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche