×

Tutti a scuola da Luis Enrique

default featured image 3 1200x900 768x576

arrigo sacchi neo coordinatore delle nazionali giovanili italiane 15297324 980x980
Luis Enrique è sinonimo di qualità, ma anche di novità.

I suoi metodi di lavoro hanno conquistato tutti: dalla curiosità dei tifosi che in questi anni non è che abbiano avuto molte chance come un tempo di seguire gli allenamenti della Roma, a quella dei giocatori che spesso si sono guardati l’uno con l’altro quando il tecnico spiegava gli esercizi, nuovi nei metodi anche per loro stessi. Nuovi sopratutto per gli allenatori che oggi hanno preso parte alla visione degli allenamneti della nuova Roma spagnola, a cominciare da Serse Cosmi, Giuseppe Iachini, e, udite udite, anche Arrigo Sacchi.

Sorpresa un pò da parte di tutti gli addetti ai lavori nel vedere il totem degli allenatori presente sulle tribunette con carta e penna in mano, con una voglia costante di impararare. Per la stampa è stato impossibile non intervistarlo e rivolgergli qualche domanda.
Quanti autografi ha firmato oggi?
E’ un piacere e un dovere aggiornarmi, sono curioso e speranzoso, ho fiducia in Luis Enrique, so il calcio che vuole proporre e credo che sia importante per il calcio italiano avere diversi temi“.

La scelta coraggiosa del Milan che ha puntato su di lei all’epoca può essere paragonata a quella della Roma attuale?
Baldini e Sabatini sono grandi dirigenti e non hanno tradito nemmeno in questa occasione. L’inserimento di Luis Enrique è una novità per il calcio italiano“.
Avrà bisogno dell’aiuto dei dirigenti.
Tutto parte dalla società, io stesso non avrei potuto fare il mio lavoro senza l’apporto della società.

Spero che la società sia paziente come lo è stato Berlusconi con me, nella mia prima stagione a Natale ero decimo in classifica… Credo che occorrerà tempo, ma il calcio è uno sport di squadra, non uno spettacolo di solisti. Per costruire un grattacielo sono necessarie fondamenta profonde, una baracca si costruisce in fretta ma resta una baracca“.
La filosofia di gioco del Barca?
I moduli non sono importanti, sono importanti i concetti generali. Riprendendo una definizione di France Fottoball sul mio Milan, dopo aver visto questo Barcellona il calcio non potrà essere lo stesso
Baldini ti propose la panchina dopo l’esonero di Voeller?
Sì, anche se non ricordo più
Luis Enrique può aiutare i giovani?
Devo fare i complimenti al settore giovanile della Roma, molti ragazzi sono interessanti. Il destino dipende solo da loro e nella loro ricerca dell’eccellenza. Dopo ti aiuta anche molto il gioco. Quando uno è convinto delle proprie idee utilizza molto volentieri i giovani. Il Barcellona ha fatto qualcosa di impensabile. Guardiola ha sostituito i grandi campioni con ragazzi provenienti dal vivaio. Io mi auguro che ci sia un utilizzo maggiore di questi ragazzi “.

Contents.media
Ultima ora