×

Uccise il padre per difendere la madre: la Corte di Assise ha assolto Alex Pompa

La Corte d'Assise di Torino ha assolto Alex Pompa: il giovane uccise il padre per difendere la madre.

assolto Alex Pompa

Il fatto non costituisce reato. Così ha sentenziato la Corte d’Assise di Torino che ha assolto Alex Pompa, il giovane che uccise il padre a colpi di coltello per difendere la madre.

Assolto Alex Pompa, la vicenda

Era aprile 2020 quando Alex Pompa intervenne in una violenta lite tra i genitori.

Fu allora che il giovane si scagliò contro il padre uccidendolo con ben 34 colpi utilizzando sei differenti coltelli. L’uomo, secondo alcune ricostruzioni fornite dai familiari venne descritto come un uomo aggressivo e incline alla violenza. Ciò ha portato l’avvocato Claudio Strata a invocare la legittima difesa per l’imputato.

Assolto Alex Pompa, il pm chiese per lui 14 anni di carcere

Uno dei nodi legati a questo caso fu l’esistenza o meno di una situazione di pericolo in quel particolare frangente.

Proprio su questo punto, il pm Alessandro Aghemo arrivò a formulare che si fosse trattato di omicidio volontario tanto che chiese per il giovane una pena di 14 anni di reclusione. Tale richiesta venne definita dallo stesso legale dell’imputato “inaccettabile”. L’attenzione di Strata venne dunque puntata su un messaggio inviato dal fratello di Alex, Loris. Quest’ultimo nel 2018, scrisse che il padre li avrebbe prima poi “ammazzati tutti”.

Assolto Alex Pompa, la madre: “Spero sia fatta giustizia”

Nel frattempo la madre, ha auspicato nella mattinata di mercoledì 24 novembre che per il figlio venga fatta giustizia. La donna – riporta “La Repubblica” – ha affermato in tribunale: “Spero che sia fatta giustizia e che mio figlio venga assolto, vogliamo solo vivere una vita normale”.

Contents.media
Ultima ora