> > Ucraina, Biden: "C'è rischio Armageddon nucleare, Putin non ...

Ucraina, Biden: "C'è rischio Armageddon nucleare, Putin non scherza"

default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) - Per il presidente degli Stati Uniti il mondo corre il più alto rischio di "Armageddon" dalla crisi dei missili di Cuba del 1962. Joe Biden ha parlato in occasione di una raccolta fondi, riferendosi alla guerra della Russia contro l'Ucraina. Il presidente russo Vl...

(Adnkronos) – Per il presidente degli Stati Uniti il mondo corre il più alto rischio di "Armageddon" dalla crisi dei missili di Cuba del 1962.

Joe Biden ha parlato in occasione di una raccolta fondi, riferendosi alla guerra della Russia contro l'Ucraina. Il presidente russo Vladimir Putin "non sta scherzando", ha aggiunto, quando parla di usare potenzialmente armi nucleari, biologiche o chimiche.

La Russia ha recentemente annesso quattro regioni ucraine, con una mossa che ha violato il diritto internazionale, e Putin ha detto che Mosca avrebbe visto gli attacchi ucraini a quelle regioni come attacchi alla Russia stessa e avrebbe usato tutti i mezzi per difenderle.

Da tempo Washington avverte Mosca che l'uso di armi nucleari avrebbe gravi conseguenze. La Casa Bianca, tuttavia, non ha commentato pubblicamente quali potrebbero essere queste conseguenze. Il governo statunitense ha inoltre dichiarato di non aver visto alcun passo concreto della Russia verso l'uso di armi nucleari.

La crisi dei missili di Cuba è considerata da molti il periodo più teso della Guerra Fredda. Nell'ottobre del 1962, le superpotenze statunitense e sovietica sono arrivate molto vicine a una guerra nucleare.

La crisi si concluse quando l'allora presidente americano John F. Kennedy promise di non attaccare Cuba e il leader sovietico Nikita Krusciov ordinò la rimozione delle armi nucleari da Cuba.

Nel frattempo, dopo una serie di recenti sconfitte sul campo di battaglia, giovedì Mosca ha dichiarato che le truppe russe hanno conquistato un insediamento nella regione di Donetsk, nell'Ucraina orientale. Il villaggio di Zaitseve è passato sotto il controllo russo, ha dichiarato a Mosca il portavoce del ministero della Difesa Igor Konashenkov, aggiungendo che più di 120 soldati sono stati uccisi da parte ucraina.

Non è stato possibile verificare in modo indipendente le affermazioni di Mosca e l'Ucraina non ha confermato la perdita di Zaitseve.

L'esercito russo è stato recentemente oggetto di notevoli critiche in patria perché l'Ucraina ha rapidamente guadagnato terreno e respinto le forze di occupazione in una controffensiva lanciata all'inizio di settembre. Lo scorso fine settimana le truppe russe hanno ceduto la città di Lyman, strategicamente importante. Altrove, secondo Konashenkov, i soldati ucraini hanno ripetutamente cercato di sfondare la linea difensiva russa nel nord della regione di Kherson, ma sono stati respinti.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato che dall'inizio del mese "più di mezzo migliaio di chilometri quadrati di territorio e decine di insediamenti sono stati liberati dal finto referendum russo e stabilizzati solo nella regione di Kherson". Nel suo discorso notturno, Zelensky ha inoltre affermato che le forze ucraine hanno registrato successi anche "nella direzione orientale".