×

**Ucraina: Ryzhenkov (Metinvest), 'cercare fonti energetiche alternativa alle russe e 'green''**

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 29 giu. (Adnkronos) – La guerra in Ucraina ha causato l'aumento del costo delle materie prime, come ad esempio l'acciao, dopo la distruzione dell'impianto Azovstal da parte dei russi. Ne ha parlato con l'Adnkronos, dalla sua casa estiva in Ucraina, Yurij Ryzhenkov, ceo di Metinvest, proprietaria della fabbrica metallurgica di Mariupol, sottolineando anche un altro fattore determinante causato dalla guerra, "quello della crisi energetica, che incide sui costi di produzione.

Dobbiamo trovare fonti alternative, su altri mercati – ha dichiarato – diversi da quello russo".

"La situazione è particolarmente complicata per l'approvvigionamento di gas – ha aggiunto – dal momento che questo prodotto ‘viaggia’ attraverso condotti che ora non sono utilizzabili. Sostituirli nel breve periodo è difficile. Ci sono condotti alternativi in Europa e potremmo superare il problema attraverso metodi efficienti. Tuttavia – ha detto – la Russia resta un grande produttore di gas naturale. Dovremmo ridurre l’uso di fonti energetiche fossili, fra le quali il gas naturale, e penso che l'attuale crisi energetica possa accelerare il processo verso la green economy”.

Contents.media
Ultima ora