Udine, 42 enne va a dormire e non si risveglia più - Notizie.it
Udine, 42 enne va a dormire e non si risveglia più
News

Udine, 42 enne va a dormire e non si risveglia più

Può sembrare un fatto di cronaca di scarsa o nessuna rilevanza, ma si tratta di un episodio che induce a una certa riflessione.

È il pensiero più ovvio, quello così poco originale, così scontato, così squassato dal sovra utilizzo da risultare, per illogico contrasto, uno di quelli che meno teniamo presenti nelle nostre giornate: potremmo morire da un momento all’altro. Ma non è la paura ciò che questa considerazione dovrebbe auto indurci, perché la paura di certo non ci aiuterebbe a vivere meglio, bensì una consapevolezza più completa e matura, in base alla quale potremmo a riuscire a dare un più sereno giudizio su molte delle cose del mondo: bazzecole. E giusto per non usare un termine più volgare.

“If I die before I awake, I pray the Lord my soul to take” dice la preghierina della buona notte di tanti bimbi americani. “Se dovessi morire prima di svegliarmi, ti prego, Signore, accogli la mia anima”.

Si può addormentarsi con un pensiero più tetro? Eppure, bisognerebbe farlo. La vicenda di un 42 enne di Terzo di Aquileia, paese in provincia di Udine, dimostra in modo chiaro come il fatto che le cose possano andare secondo la peggiore delle previsioni non è uno scenario privo di possibilità.

Quest’uomo è andato a dormire, qualche sera fa, dopo aver salutato la madre, con cui ancora viveva. Si è coricato e si è addormentato. Al mattino, la mamma, non vedendolo uscire dalla stanza, lo ha chiamato, come tante altre volte avrà fatto con quel figlio prima bambino, poi uomo: “Paolo, svegliati o farai tardi al lavoro”. Non ricevendo alcuna risposta, la donna ha bussato, ma continuando a non ricevere alcun cenno, è entrata in camera, scoprendo il corpo del figlio privo di vita.

Paolo Sandrin è deceduto così, nel sonno, a 42 anni, in seguito a un malore notturno. È andato a dormire e non si è più rialzato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche