Un direttore della scuola primaria minaccia i genitori di chiamare i servizi sociali se gli allievi usano Facebook - Notizie.it
Un direttore della scuola primaria minaccia i genitori di chiamare i servizi sociali se gli allievi usano Facebook
Scuola

Un direttore della scuola primaria minaccia i genitori di chiamare i servizi sociali se gli allievi usano Facebook


Un dirigente della scuola primaria ha minacciato i genitori di rivolgersi ai servizi sociali.
Paul Woodward è preoccupato che i giovani che utilizzano i siti sono rischio di essere esposti alla pornografia.
Egli ha avvertito i genitori che persistentemente permettono ai bambini sotto i 13 anni di usare Facebook potrebbe giustificare un’indagine da gruppi di tutela dei minori.
Si stima che almeno il 60 per cento dei bambini della sua scuola nella Forest of Dean hanno accesso a siti di social networking.

Presidi chiedono anche una maggiore protezione dal porno accessibile attraverso smartphone, nonché misure per fermare i bambini giocano i migliori 18 videogiochi.

Ieri Woodward ha aggiunto: ‘La vera preoccupazione è che i bambini sono in grado di disporre di account Facebook quando non sono abbastanza grandi. ‘
Ha detto di aver avuto casi in cui i genitori hanno detto: ‘E’ illegale fare questo’

Molti genitori non hanno la consapevolezza dei potenziali pericoli per i bambini che possono essere accessibili tramite Facebook e altri siti, ha avvertito.
Non appena viene a conoscenza che un bambino della sua scuola ha un account Facebook viene a contatto con l’azienda per ottenere il profilo bloccato.

Altri dirigenti hanno avvertito che l’abuso della tecnologia è un ‘problema crescente’ nelle scuole.

Kenny Frederick, un dirigente di Londra, ha detto che i genitori hanno acquistato smartphone su cui i bambini ‘possono accedere alla pornografia.
John Killeen, una testa da North Yorkshire, ha detto che gli alunni copiano il comportamento che vedono nei videogiochi.

Facebook dice che non c’è niente che può fare per fermare i minori di 13 anni a creare degli account, nonostante sia una violazione della propria politica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche