×

Un medico smonta punto per punto le obiezioni al vaccino contro il Covid

Un medico smonta punto per punto le obiezioni al vaccino in quindici mosse: basta una chiacchierata per capire che certe teorie sono solo follia

Il dottor Ottavio Dadini

C’è un medico a Torino che sa fare una cosa che probabilmente riesce difficile al migliore dei virologi, perché questo medico dice cose semplici ed elementari senza l’austerità mediatica che il sapere super specialistico sembra ormai aver preso: lui smonta le obiezioni al vaccino e in 15 punti secchi dimostra che vaccinarsi fa bene, che dietro il virus c’è la natura e che il Rasoio di Occam non è un tipo di taglio hipster della barba.

Ottavio Dadini fa il medico da 40 anni, è stato al San Giovanni Battista ed ha scritto alcuni libri interessanti. Soprattutto, Dadini dice le cose in maniera tanto chiara che qualsiasi complottista, farmascettico, no vax o terrapiattista lo incontrasse dovrebbe fare i conti con la più letale delle verità: quella figlia della franchezza lessicale e dell’evidenza di buon senso.

Medico smonta le obiezioni al vaccino: cosa c’è dentro, al sperimentazione veloce e il Dna

La prova? Ecco i 15 punti con cui Dadini “mette in riga” le obiezioni al vaccino anti covid. Il preambolo? Si sa benissimo che è una antropozoonosi, una malattia da animale a uomo. E il vaccino? Il fatto che non si sappia cosa ci sia dentro? “Si sa benissimo (vedere sito AIFA), e certamente non ci sono 5g, feti morti o metalli; in pratica ci sono particelle di grasso che includono l’mRNA colesterolo, sali, saccarosio e acqua”.

Ma il vaccino non è stato sperimentato abbastanza: “No, è stato sperimentato in tempi molto rapidi, questo sì, perché i Paesi e le istituzioni hanno messo sul tavolo una quantità mai vista di danaro, il che ha permesso di correre molto”. Il terzo punto è un classico: il vaccino con l’RNA messaggero può modificare il DNA. “Dire che l’mRNA  può modificare il DNA è come dire che se ho un dado di carne per il brodo posso farmi la mucca in casa”. 

Obiezioni al vaccino anti covid, le smonta un medico: i pericoli, la paura, il complotto Big Pharma e gli effetti

Il vaccino però è pericoloso: “Questa è un’obiezione con un minimo di senso. Qualunque sostanza introdotta nel nostro organismo può scatenare imprevedibili effetti. Basta leggere il bugiardino di una cosa qualunque che avete in casa, anche la tachipirina”. E con la paura, come la mettiamo? “Ragionevole. Io non ce l’avrei, perché vaccinarsi è pericoloso più o meno come attraversare la strada, ma capisco”. Ci sono poi le teorie dei governi al soldo di Big Pharma, un altro evergreen. “È come dire che non mi fido degli ingegneri aeronautici che progettano l’aereo su cui voliamo perché sono al soldo della Boeing o della Airbus”. E chi aspetta per paura degli effetti a lungo temine? “Quelli li conosciamo: gli effetti a lungo termine delle vaccinazioni del secolo scorso sono stati la scomparsa del Vaiolo (eradicato nel 1980), e il contenimento ai minimi termini di almeno altre sette-otto malattie contagiose che facevano morti e invalidi a milioni”. 

Dadini, il medico che smonta le obiezioni al vaccino: i dubbi, l’autismo,  l’acqua distillata e chi poi sviene

Però sui siti AIFA ed EMA “ci sono un sacco di dubbi”. “Benvenuti nel modo reale della scienza. Quando leggete che i dati sono insufficienti vuol dire che non si dispone ancora di un volume di dati che consenta affermazioni categoriche, cosa che abbiamo visto in passato e che vedremo in futuro”. Vaccino ed autismo legano bene da sempre. “È una bufala spaventosa, smentita da decenni, la vogliamo smettere!”. Il vaccino è solo acqua distillata. “Eh, certo: milioni di medici e infermieri si stanno facendo iniettare in tutto il mondo acqua distillata. Milioni di coglioni, che tra qualche settimana lavoreranno con i pazienti Covid convinti di essere immunizzati, e invece moriranno come mosche”. E quelli che svengono? “Si sviene per quel fenomeno fisiologico noto come sindrome vagale: è effetto dell’ago, dello stress e di molti fattori concomitanti: ho visto pazienti svenire quando mi avvicinavo con l’ago in mano”. 

Russia, Cina e il medico che smonta le obiezioni al vaccino e “bilancia” la diffidenza verso le case farmaceutiche

In Russia e in Cina hanno fatto prima. “In quei Paesi hanno iniziato le somministrazioni prima della fine della fase 3. Meglio abbiamo fatto noi, dove quei venduti dell’Ema hanno voluto controllare tutti i dati grezzi di tutti i casi del Trial”. Però fidarsi di gente come Pfizer è impossibile. “Non sarò certo io a difendere le grandi industrie farmaceutiche, ed è giusto star loro sul collo. Ma se oggi un bambino che nasce in Italia può sperare di vivere mediamente novant’anni è anche merito loro”. I politici dovrebbero vaccinarsi per primi/i politici si vaccinano per ultimi così ci usano come cavie. “Mettetevi d’accordo. A me non frega niente”. 

Obiezioni al vaccino e il medico che le smonta: l’incostituzionalità

Chiudiamo con la Champions Leaugue delle obiezioni: il vaccino obbligatorio è anticostituzionale. “L’articolo 32 dice che ‘Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge’. Quindi è sufficiente una legge, come per altre vaccinazioni – in tutto il mondo – o come con i TSO (che qui non cito a caso). Perché (sempre la costituzione) sancisce che la tutela della salute è “fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”. Quindi, se fosse interesse della collettività vaccinare l’intera popolazione, si potrebbe fare. Che è quello che ha riaffermato proprio la Corte costituzionale (sentenza 307/1990)”.

Contents.media
Ultima ora