×

Università di Bologna, studentessa no Green pass non lascia l’aula: lezione sospesa

Una studentessa senza il Green pass ha deciso di non lasciare l'aula dell'Università di Bologna. La lezione è stata sospesa.

Studentess

Una studentessa senza il Green pass ha deciso di non lasciare l’aula dell’Università di Bologna. La lezione è stata sospesa. Il fatto è accaduto mercoledì scorso e ha scatenato la rabbia dei compagni di corso. 

Università di Bologna, studentessa no Green pass non lascia l’aula: lezione sospesa

Una studentessa dell’Università di Bologna si è presentata in aula senza green pass. La giovane è stata invitata ad uscire, ma si è rifiutato. Ha scatenato la rabbia dei suoi compagni di corso. La lezione è stata sospesa e 50 studenti sono dovuti tornare a casa. La sua è stata una protesta individuale. La giovane ha voluto mostrare il suo disaccordo nei confronti della certificazione verde. Tutto è accaduto durante la lezione di Psicologia cognitiva della professoressa Luisa Lugli.

Silvia, studentessa di 20 anni, ha messo in atto la sua protesta personale. La giovane è una delle voci del gruppo “Studenti Unibo contro il Green pass” e ha rivendicato la sua protesta durante la manifestazione del sabato. La ragazza è passata dai controlli all’accesso, dove le è stato fatto notare che doveva avere il certificato, e si è seduta negli ultimi posti. Non è la prima volta che compie un gesto simile. L’addetto ai controlli ha segnalato alla docente l’irregolarità, ma la studentessa si è rifiutata di lasciare l’aula

Università di Bologna, studentessa no Green pass non lascia l’aula: le proteste

La ragazza ha denunciato di aver ricevuto “minacce e insulti“. Gli altri studenti hanno rivendicato il diritto allo studio nel rispetto della norma vigente. Alla fine, però, la lezione è stata sospesa. “Noi ci siamo vaccinati per tornare in presenza dopo un anno e mezzo a distanza e siamo stati mandati a casa mentre la ragazza poteva benissimo seguire la lezione a distanza. Ne va del nostro diritto allo studio” hanno dichiarato gli studenti.

Mi è dispiaciuto dove arrivare a sospendere la lezione, ma la presenza in aula senza Green Pass viola una norma dello Stato e non posso permetterlo. Per essere chiaro, senza entrare nel merito della discussione, io condanno qualsiasi infrazione della legge italiana. Se dovessero verificarsi nuovamente, verranno immediatamente informati il direttore di Dipartimento e gli organi di Ateneo, i quali provvederanno ad adottare i provvedimenti per impedire tali comportamenti” ha dichiarato Luca Guidetti, coordinatore del corso di laurea. 

Università di Bologna, studentessa no Green pass non lascia l’aula: gesto condannato

L’università non vuole arrivare a dover chiamare le forze dell’ordine, come confermato dal prorettore vicario Mirko Degli Esposti. “Il mio richiamo è alla responsabilità, vorrei che la gente avesse più memoria: un anno fa avevamo aule e biblioteche vuote, nessuno vuole tornare lì, vaccini e Green Pass sono gli strumenti per evitarlo” ha dichiarato. Una protesta simile era accaduta a Storia della Filosofia, ma la lezione non era stata sospesa. “La posizione della studentessa è apertamente di protesta ma non trovo che sia una buona soluzione da parte dell’università limitarsi ad annullare le lezioni. Questo non significa che chiediamo l’intervento della polizia, ma denunciamo che in questo modo si dà potere a una sola persona di far saltare la lezione, senza peraltro ottenere nulla, a scapito di tutti quelli che le regole le seguono. Questo è non è giusto” ha dichiarato Biagio Mazzella, rappresentante degli studenti a Filosofia. 

Contents.media
Ultima ora