Uomini e Donne: share da record grazie a Gemma e Antonio
Uomini e Donne: share da record grazie a Gemma e Antonio
Gossip e TV

Uomini e Donne: share da record grazie a Gemma e Antonio

Uomini e Donne
Uomini e Donne

Grazie alla puntata dedicata quasi interamente a Gemma Galgani e Antonio Manetti, Uomini e Donne ha avuto ieri uno share record di ascolti

Ascolti record sono stati registrati nella puntata di ieri, mercoledì 10 gennaio, per Uomini e Donne su Canale 5. Ideato e condotto da Maria De Filippi, con la puntata dedicata al trono over di ieri, Uomini e Donne ha quindi segnato un nuovo record in assoluto. Si parla di 3 milioni e 280mila telespettatori, con uno share del 23,96%. Il motivo pare essere stato l’ampio spazio riservato a Gemma Galgani e Giorgio Manetti.

Gemma: la rivelazione scioccante

Nel corso della puntata di ieri, Gemma ha rilasciato una dichiarazione davvero scioccante. La donna ha infatti dichiarato di aver avuto rapporti completi con tre persone di Uomini e Donne. E inevitabilmente sui social si sono scatenati commenti di ogni tipo. Molti di essi non sono nemmeno riproducibili. In seguito sempre Gemma ha ricordato a Giorgio: ” Io con te ho fatto l’amore! Non sesso!”. La donna è arrivata negli studi Mediaset un giorno prima della registrazione. Si è quindi recata nel camerino di Giorgio e lo ha decorato con addobbi natalizi, bigliettini e passerotti.

Ma lui ha continuato a non cedere: Gemma resta per il momento una sua ex.

Auditel, come funziona

Gli ascolti televisivi vengono racconti tramite l’Auditel. Ma come funziona tale meccanismo? La società AGB Italia, per conto di Auditel, ha installato nelle abitazioni di alcune famiglie italiane un piccolo apparecchio collegato a ogni televisore e alla linea telefonica. Tale apparecchio registra su quale canale è sintonizzato il televisore. Il campione rappresentativo della popolazione italiana con più di quattro anni viene detto panel ed è aumentato nel corso del tempo. Dalle poco più di seicento famiglie dei primi mesi successivi all’inizio delle rilevazioni, si è passati alle quasi 2500 famiglie del 1º gennaio 1989, per arrivare alle oltre 5ooo del 1º agosto 1997.

Ogni membro della famiglia in questione segnala la propria presenza davanti al televisore per mezzo un particolare telecomando. In questo modo il meter registra quale programma viene visto e anche da chi. Il meter è composto da tre unità.

C’è il monitor detection unit (MDU) che rileva lo stato di accensione e spegnimento dell’apparecchio televisivo, nonché il canale su cui è sintonizzato. C’è poi l’handset (ovvero il telecomando), attraverso il quale la famiglia campione seleziona il numero di persone che guardano la tv. Infine c’è il meter vero e proprio, una unità centrale di memoria che trasmette i dati degli MDU dei vari televisori della famiglia campione alla centrale tramite la linea telefonica. I dati vengono quindi elaborati al computer centrale di Milano. E vengono infine pubblicati la mattina seguente verso le 10.00.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche