Usa: madre lascia le figlie in auto per 15 ore, morte entrambe
Esteri

Usa: madre lascia le figlie in auto per 15 ore, morte entrambe

madre lascia figlie in auto
madre lascia figlie in auto

Episodio terribile quello avvenuto in Texas dove una giovane madre ha lasciato le figlie chiuse in auto per 15 ore per poter andare ad una festa

E’ sicuramente uno dei peggiori episodi di abbandono dei minori degli ultimi mesi quello avvenuto in Texas dove una giovae madre si è resa protagonista di un fatto a dir poco terribile. Lo sceriffo della contea lo ha definito “di gran lunga il caso più terribile di violenza infantile mai visto in 37 anni di lavoro”: la donna ha infatti lasciato nella sua auto per oltre 15 ore consecutive le figlie di uno e due anni, provocandone la morte. Tutto per potersi recare ad una festa nella casa di un vicino insieme ad alcuni amici: solo per questo motivo ha chiuso le piccole Brynn e Addyson all’interno della vettura, seguitando ad ignorare i loro pianti disperati per tutta la sera, la notte e la mattina successiva.

Solo intorno a mezzogiorno infatti la giovane texana si è decisa ad aprire la portiera del veicolo, il cui abitacolo era ormai divenuto rovente a causa delle alte temperature esterni superiori ai 30 gradi ma quando si è resa conto del fatto che le figlie stavano male, presa dal panico le ha portate a casa anzichè al pronto soccorso.

Solo le insistenze di un amico sedicenne l’hanno convinta, il giorno seguente, a recarsi in ospedale ma le piccole erano ormai in condizioni gravissime e nonostante l’immediato intervento dei medici sono decedute entrambe.

Cosa ha spinto la donna a compiere un gesto tanto orribile?

Ci si domanda cosa abbia spinto la diciannovenne a compiere un tale atto di violenza nei confronti delle proprie figlie. non è chiaro infatti se si sia trattato di un gesto premeditato, ‘istitintivo’, se sia stata una leggerezza o lucida crudeltà. Certo è che la donna non è mai intervenuta mentre Brynn e Addyson, imprigionate nell’auto, continuavano a piangere disperate, questo nonostante alcuni amici della madre glielo abbiano ripetutamente segnalato. Tanto che alle 12 del giorno seguente le due erano ormai incoscienti ed in condizioni gravissime, come riferito dalla polizia della contea di Kerr in un comunicato stampa.

La donna è sposata ma il marito Isaac sembra non fosse presente e gli amici non sarebbero intervenuti per portare le bimbe in salvo: una situazione a dir poco surreale venuta alla luce dopo che le bambine sono state portate al Peterson Regional Medical Center per essere trasferite d’urgenza all’ospedale universitario di San Antonio.

Peraltro la madre non ha confessato subito: interrogata dalla polizia ha raccontato che le bambine erano state male dopo aver odorato dei fiori nel vicino parco ma, messa alle strette dagli agenti, ha confessato tutto. Inizialmente era stata condannata per abbandono di minori ma l’incriminazione si è trasformata in duplice omicidio dopo la loro morte; rischia un incarcerazione per molti anni.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Daniele Orlandi
Ama osservare, carpire ogni sfumatura, cogliere l'attimo e raccontare il tutto sulla carta stampata e sul web. Nato a Milano, dopo la laurea in Comunicazione Digitale ha intrapreso l'attività giornalistica sul campo pubblicando interviste, inchieste e approfondimenti su testate cartacee ed online. L'altra passione insieme alla scrittura? la musica. Dal 2011 collabora con Notizie.it di cui, dal 2018, è direttore responsabile.