×

Usa, nasce il primo passaporto con genere X: per chi non si definisce uomo o donna

Gli Stati Uniti rilasceranno il primo passaporto con un indicatore di genere X: è per chi non si identifica come una donna o come un uomo.

Usa, rilasciato il primo passaporto con genere X: è per chi non si riconosce come uomo o donna

Un funzionario anonimo degli Stati Uniti ha reso pubblica la notizia che in Usa è stato rilasciato il primo passaporto con un indicatore di genere X. Esso dall’inizio dell’anno sarà offerto a tutti coloro che non si identificano come maschio o femmina.

Usa, rilasciato il primo passaporto con genere X

Si tratta  di “una pietra miliare” che riconosce i diritti delle persone non binarie, intersessuali e non conformi al genere. Jessica Stern, inviata diplomatica speciale degli Usa per le questioni Lgbtqi, ha commentato:

“Quando una persona ottiene documenti di identità che riflettono la sua vera identità, vive con maggiore dignità e rispetto”.

Usa, rilasciato il primo passaporto con genere X: “Si promuove la libertà”

Invece, il portavoce del dipartimento, Ned Price, ha posto l’attenzione sulla speranza di poter fornire questa possibilità all’inizio del prossimo anno.:

“Voglio ribadire, in occasione dell’emissione di questo passaporto, l’impegno del dipartimento di Stato per promuovere la libertà, la dignità e l’egugalianza di tutte le persone, comprese le persone Lgbtqi+”.

C’è da dire che questa idea del passaporto di genere X era nell’aria già dallo scorso giugno. Tuttavia, l’aggiornamento dei sistemi informatici deve ancora essere approvata dall’Ufficio di gestione e bilancio: ciò potrebbe richiedere alcuni mesi. Al momento tutti richiedenti possono selezionare il proprio genere sul sito del Dipartimento di Stato e, sebbene questo possa non corrispondere a quello fornito in altri documenti, come ad esempio nel certificato di nascita, non è più necessario presentare una certificazione medica.

Usa, rilasciato il primo passaporto con genere X: ancora sconosciuto il destinatario 

Inoltre, non è stato reso noto chi sia il destinatario del primo nuovo passaporto, per questioni di privacy. Su Cnbc si legge che ad accelerare il cambiamento è stato il caso di Dana Zzyym, residente intersessuale del Colorado: Dana dal 2015 ha combattuto in un’aspra battaglia legale con le istituzioni poichè le era stato negato il documento di viaggio, necessario per recarsi alla riunione dell‘Organizzazione Intersex International in Messico. Il motivo?  Dana non aveva sbarrato sulla domanda né la casella maschio, né quella femmina e aveva chiesto esplicitamente di usare un indicatore di genere “X”.

A causa dei suoi connotati fisici ambigui, Zzyym da adolescente si identificava come un ragazzo. A seguito di numerosi interventi chirurgici mal riusciti, il tribunale non ha mai riconosciuto legalmente il suo genere. Ciononostante, ha prestato servizio nella Marina Usa come maschio e la sua intersessualità è emersa solo durante gli studi alla Colorado State University.

Contents.media
Ultima ora