×

Utilizziamo bene la biomassa

Il tema delle biomasse torna di nuovo a far parlare di se. Uno dei modi più sicuri e meno inquinanti di produrre energia, negli ultimi tempi ha visto l’approvazione anche a livello internazionale, soprattutto nel nostro paese, la delibera per l’utilizzo di vari tipologie di alberi per la produzione di energia. Quello che manca però è un adeguato utilizzo di questa fonte rinnovabile, che se usata al meglio, non rappresenta un rischio per le emissioni di CO2 e quindi poco inquinante. Ma ovviamente i problemi sono altri. Ovvero il rifornimento delle centrale , che necessita in particolare di alberi e legna per poter produrre. Fino ad ora, molti paesi hanno fatto uso di rifornimenti provenienti da paesi quali Canada, Stati Uniti e Russia.

Ma appunto la crescente domanda internazionale ha fatto sì che tali paesi non riuscissero più a sostenere le richieste e quindi ci si è rivolti nei paesi del terzo mondo e in via di sviluppo dell’ Asia, dell Africa e dell’America Latina, acquistando i terreni per le piantagioni di alberi che saranno utilizzate nel futuro per la produzione di energia. Un buon proposito per i paesi che hanno dato avvio a questa strategia. Anche se bisogna tener conto dei disagi che potrebbero derivarne dai paesi in cui verrebbero posizionate le piantagioni. Tutto questa rappresenta uno sconvolgimento per le popolazioni locali, che vedrebbero sottratto loro quel po’ di libertà d’uso e di coltivazioni sui vari terreni, in quanto da sempre risultano sotto il controllo delle stato.

Prima ancora di poter sconvolgere secolari ecosistemi in territori stranieri, ci si chiede perché non sì cerchi invece di gestire al meglio ciò che è presente sul territorio. In Italia le foreste di certo non mancano, manca però una buona gestione di esse. In particolare sono pochi i finanziamenti, sia per quanto riguarda il mantenimento e la gestione dei residui delle potature, su cui molti hanno puntato il dito per la mancata utilizzazione. Tutto questo ha portato ad uno scarso coinvolgimento degli agricoltori, che spesso non sono a conoscenza dell’utilità dei residui degli alberi.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche