×

Oltre 2 milioni di dollari per la raccolta fondi del governo ucraino: “Mandiamo Putin su Giove”

Dopo soltanto nove giorni dal lancio dell'iniziativa pare stia andando a gonfie vele la raccolta fondi del governo ucraino: “Mandiamo Putin su Giove”

La gif di Putin che va su Giove

Sembra proprio che vada a gonfie vele la raccolta fondi del governo ucraino: “Mandiamo Putin su Giove”. Ma di cosa si tratta? Di una iniziativa che gode del sostegno diretto di Kiev con cui un sito è arrivato a raccogliere oltre 2,1 milioni di dollari.

E sono dollari da devolvere ovviamente in aiuti all’Ucraina invasa, non certo alla costruzione del razzo che dovrebbe spedire in iperbole lo Zar sul pianeta gassoso più grande del nostro sistema solare. Quella è solo una metafora per dare al presidente russo del pallone gonfiato o, come sostiene qualche maligno sui social, del “grosso peto”.

“Mandiamo Putin su Giove” è un successo

Ad ogni modo la campagna va benone e in nove giorni ha sforato dal tetto dei due milioni di dollari Usa.

In ironia il sito in questione spiega che il denaro verrà impiegato per costruire un razzo che manderà il “sanguinoso dittatore lontano, molto lontano”. Dietro l’operazione c’è il dinamico ministro della Trasformazione Digitale dell’Ucraina Mykahilo Fedorov, che guida un dicastero nato nel 2019 per digitalizzare il servizio governativo. A marzo 2022 il sito viene creato e in homepage si legge: “Donate e aiutateci a costruire un razzo che spedisca il dittatore sanguinario il più lontano possibile.

Cento milioni di brave persone sulla Terra possono mandare un uomo malvagio su Giove”.

Di chi è il sito e di chi è l’idea

Poi la spiegazione allusiva: “Perché Giove? È un gigante gassoso e il più grande pianeta del sistema solare”. Il sito appartiene all’istituto finanziario del governo ucraino State Enterprise Diia e sulla sua homepage compare una gif di Putin rappresentato con volto a fare capolino da uno spioncino da cartoon, a bordo del razzo che si invola nello spazio.

Verso Giove, il gigante gassoso.

Contents.media
Ultima ora