×

Vaccini Covid, Burioni: “Una paura ingiustificata porta a scelte che danneggiano tutti”

Vaccini covid, il virologo Burioni ha parlato degli effetti collaterali e dell'insensata paura legata alla loro somministrazione.

vaccini covid Burioni

Il virologo e docente presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, Roberto Burioni, ha ribadito per l’ennesima volta l’importanza dei vaccini e la loro sicurezza, ed ha definito «fuori dalla realtà» la scelta di non farlo.

Vaccini covid, le considerazioni del Prof. Burioni

L’Italia ha raggiunto risultati ragguardevoli nella campagna di vaccinazione contro il Covid, ma resta ancora senza vaccino una fetta importante della popolazione. In particolare, oltre 3 milioni di cittadini considerati a rischio – over 50 mancano all’appello.

Anche se una parte piuttosto consistente del nostro paese ha scelto di non vaccinarsi per ragioni ideologiche, un’altrettanto importante fetta non ha ancora aderito ai vaccini per paura dei possibili effetti collaterali, sia nell’immediato che nel futuro.

Burioni sui vaccini covid: paura giustificata?

La paura è un sentimento ragionevole se in moderate dosi, che ci aiuta a scegliere con cognizione di causa. Spesso è facile da suscitare ma molto difficile da controllare, soprattutto se ha basi irrazionali. Nel momento in cui una paura ingiustificata porta a scelte che danneggiano sia il singolo che la comunità, è indispensabile fare di tutto per gestirla ed eliminarla, attraverso una corretta informazione.

La maggior parte dei vaccini somministrati in Italia sono a base di mRNA e risultano sicurissimi, oltre che efficaci.

La conferma è che – a distanza di quasi un anno di somministrazioni – vi è la certezza di una sola morte in tutto il mondo a causa di vaccini mRNA. Ogni anno, in media, in Italia muoiono più persone per allergie ai farmaci – soprattutto antibiotici – e per puntura di insetti, entrambi con 25 decesi medi annui.

Burioni sui vaccini covid: possibili effetti collaterali

Innanzitutto, parliamo degli effetti a lungo termine: naturalmente, non essendo possibile guardare nel futuro, qualunque effetto a lungo termine si conosce con certezza solo nel lungo periodo.

Ma per quanto riguarda i vaccini non c’è nulla che ci faccia pensare che questi effetti negativi possano presentarsi, e storicamente non esiste – e non è mai esistito – un vaccino in grado di causare danni a più di due mesi dalla sua somministrazione.

Per quanto riguarda gli effetti nell’immediato, alcune controindicazioni ci sono, così come ci possono essere per qualsiasi altro farmaco. Essendo – come già detto – vaccini ad mRNA, sono state somministrate miliardi di dosi e non si sono riscontrate morti improvvise, effetti sulla fertilità o sul DNA. L’unico effetto collaterale di rilievo pare essere una miocardite in forma lieve e facilmente curabile: negli USA, su 300 milioni di vaccinazioni si sono verificati meno di 1.300 miocarditi e tutti i pazienti sono guariti.

Contents.media
Ultima ora