×

Vaccino antinfluenzale, 4 regioni non hanno abbastanza dosi per la categorie a rischio: quali sono?

Vaccino antinfluenzale, 4 regioni non hanno abbastanza dosi per la categorie a rischio: ecco quali sono e in che percentuale sono sotto la soglia

Sono 4 le Regioni a rischio per le scorte vaccinali su target fragili

Potrebbero esserci noie serie sul vaccino antinfluenzale perché 4 regioni ed una provincia autonoma non hanno abbastanza dosi per la categorie a rischio: Il report indipendente della Fondazione Gimbe evidenzia un serio problema di scorte. La Fondazione aveva infatti mappato le scorte regione per regione in previsione del picco che andrebbe a sovrapporsi con la fase acuta o di plateau della quarta ondata Covid e sono emerse cinque situazioni al limite. 

Vaccino antinfluenzale, 4 regioni avranno la fetta più piccola dei quasi 18 milioni di dosi

Innanzitutto il dato generale: per la stagione profilattica 2021/2022 la disponibilità italiana complessiva è di 17.702.476 dosi di vaccino antinfluenzale, un numero che è perfettamente in linea con la media di necessità già censita lo scorso anno. Dove sta il problema quindi e dove sono le differenze? 

Per il vaccino antinfluenzale 4 regioni sotto la soglia, l’anno scorso erano 7 in sofferenza

Nel fatto che anche quest’anno ci sono differenze regionali, sia pur minori rispetto alla stagione passata e quattro di esse sono al di sotto della soglia di tranquillità assoluta.

E quelle differenze riguardano ben quattro Regioni ed una Provincia Autonoma che non raggiungono coperture pari o superiori al 75% della popolazione target per età. Attenzione: nella fascia di popolazione a rischio sono inclusi bambini dai 6 mesi ai 6 anni e over 60

Ecco quali sono le 4 regioni e la provincia autonoma che non hanno abbastanza vaccino antinfluenzale per i fragili

Le Regioni a rischio sono Piemonte (61%), Molise (60%), Campania (56%), Provincia Autonoma di Bolzano (52%) e Valle d’Aosta (48%).

Rispetto al 2020/2021 le cose vanno un po’ meglio, visto che allora ad essere in credito di dosi furono ben 7 Regioni e 2 Province Autonome, ma data l’ennesima concomitanza con la pandemia e la maggiore aggressività che pare essere riconosciuta al virus stagionale di quest’anno il dato non è certo positivo. La circolare del ministero della Salute raccomanda la vaccinazione antinfluenzale “per tutti i soggetti a partire dai 6 mesi di età che non hanno controindicazioni“.

Contents.media
Ultima ora