×

Vaccino Covid-19, la richiesta delle regioni: “Aiutare chi ha paura”

La Conferenza delle regioni ha formulato un’esplicita richiesta di aiuto al governo di Draghi in merito al vaccino contro il Covid-19: i dettagli.

Vaccino Covid-19, la posizione di Fedriga

Il presidente del Friuli Venezia-Giulia e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, ha parlato dei vaccini anti Covid-19. Ai microfoni di Sky Tg24 l’esponente politico ha formulato un’esplicita richiesta ai piani alti della politica nazionale. 

Vaccino Covid-19, la richiesta delle regioni 

Fedriga è stato ospite alla trasmissione “Buongiorno” condotta dalla giornalista Tonia Cartolano. Il politico ha parlato dei problemi nella campagna vaccinale attualmente in corso. Non tutti sembrano decisi nel volersi vaccinare, soprattutto dopo alcuni problemi legati alla questione ad esempio di AstraZeneca. “Io penso che ci siano due gruppi all’interno delle persone che ancora non hanno aderito a questa campagna. Un gruppo fortemente minoritario – commenta Fedriga – che è proprio contro il vaccino, che fanno girare anche le fake news, dall’altro c’è gente che ha paura.

Fedriga e l’appello per il vaccino contro il Covid-19

Nel frattempo la Conferenza delle Regioni ha fatto delle precise richieste al governo guidato dal presidente Mario Draghi. “Abbiamo chiesto da un lato di fare una campagna di comunicazione importante – continua Fedriga – e dall’altro coinvolgere i medici di medicina generale perché è quello che conosce e ha la fiducia del proprio paziente e che da anni gli garantisce le cure e l’assistenza”.

Vaccino Covid-19, l’obiettivo

L’idea di fare fronte comune e di creare una vera e propria alleanza è una delle richieste di Fedriga. “Se riusciamo a fare un’alleanza fra istituzioni, medici e a spiegare a queste persone l’importanza della campagna vaccinale – conclude il presidente del Friuli Venezia Giulia – penso che potremo recuperarne una buona fetta”.

Nel frattempo in Campania è intervenuto il presidente Vincenzo De Luca che ha parlato della diffusione della variante Delta.

I numeri in costante aumento arrivano dopo che alcuni ragazzi sono andati ad una festa a Palma di Maiorca trasformatasi successivamente in un maxi focolaio. De Luca ha parlato del tracciamento dei contatti con cui si è scoperto un considerevole numero di giovani positivi al Covid-19 e precisamente alla variante Delta che è partita, originariamente, dall’India. “Abbiamo trovato alcuni ragazzi, di 18 anni, andati a una festa a Palma di Maiorca tornati positivi alla variante Delta del Covid“. La situazione è in evoluzione e non si escludono eventuali provvedimenti per arginare il focolaio causato dalla festa in Spagna

Contents.media
Ultima ora