×

Vaccino covid, appello di Draghi alle case farmaceutiche: “Migliaia di persone muoiono”

"Migliaia di persone stanno morendo", questo l'appello di Mario Draghi alle case farmaceutiche invitandole a rimuovere i blocchi all'esportazione.

Vaccino covid appello Draghi

Sempre più persone non ancora vaccinate stanno morendo. Questo l’allarme lanciato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi che durante il vertice di Oporto ha invitato le case farmaceutiche a mettere in atto delle azioni al fine di rendere disponibili i vaccini anche a tutti i Paesi che non hanno la possibilità di vaccinarsi.

Da qui la proposta di una soluzione concreta vale a dire una rimozione delle barriere all’export. Si tratta di una misura che in questo senso l’Unione Europea potrebbe chiedere in quanto circa l’80% della produzione è stato esportato verso Paesi che non esportano, ha fatto notare il Presidente del Consiglio Mario Draghi.

Vaccino covid appello Draghi – il monito alle case farmaceutiche

“Siamo di fronte a un evento unico: milioni di persone, che non sono in condizione di acquistare i vaccini, stanno morendo”.

A dirlo il Presidente del Consiglio Mario Draghi che durante la cena di lavoro al Summit di Oporto ha fatto un’accurata analisi sulle prossime sfide da affrontare sui vaccini in particolare l’accesso delle dosi del vaccino anche alle popolazioni che vivono in condizioni di povertà. “Come europei non possiamo ignorare questo problema. Sappiamo che le risorse finanziarie non sono e non saranno mai sufficienti”, le parole del Premier che ha aggiunto: “Dobbiamo continuare ad accelerare le vaccinazioni con trasparenza e affidabilità.

Occorre inoltre aumentare la produzione in ogni parte”.

Vaccino covid appello Draghi – “Non è l’Europa come dovrebbe essere”

Nell’intervento del Presidente del Consiglio Mario Draghi c’è stato un ampio spazio anche per le numerose altre criticità alle quali sta facendo fronte l’Unione Europea a partire da un mercato del lavoro che viaggia a doppio binario: “Cosi come durante la Grande Recessione e la crisi del debito sovrano in Europa, sono i nostri giovani e le nostre donne a pagare il prezzo di questa tragedia […] Queste fratture hanno profonde radici storiche e culturali. Ma svelano anche evidenti carenze istituzionali e giuridiche. Troppi paesi dell’Unione europea hanno un mercato del lavoro a doppio binario, che avvantaggia i “garantiti”.

Vaccino covid appello Draghi – L’invito di Ursula Von Der Leyen

Infine la Presidente della commissione europea Ursula Von Der Leyen ha messo in evidenza nel corso come del vertice come: “L’Unione europea è l’unica regione democratica del mondo che esporta su larga scala. Circa il 50% di quanto viene prodotto in Europa viene esportato verso circa 90 Paesi, incluso Covax. Sono circa 200 milioni di dosi che sono state esportate e circa 200 milioni di dosi distribuite agli europei. Invitiamo tutti quanti si impegnano nel dibattito della deroga temporanea dei brevetti di unirsi a noi ad impegnarsi ad esportare una larga parte di quanto producono”.

Contents.media
Ultima ora