×

Variante Delta, Oxford: “Rende impossibile l’immunità di gregge”

Andrew Pollard, direttore dell'Oxford Vaccine Group, ha spiegato che la variante Delta sta rendendo impossibile l'immunità di gregge.

Vaccino Covid

Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group, ha spiegato che la variante Delta sta rendendo impossibile l’immunità di gregge, in quanto siamo di fronte ad un virus e ad una malattia che non è come il morbillo. 

Variante Delta, Oxford: “Non è possibile raggiungere l’immunità di gregge”

Sir Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group, ha spiegato che con la variante Delta in circolazione, non è possibile raggiungere l’immunità di gregge. Ha affermato che “questo non è il morbillo. Se il 95 per cento delle persone è stato vaccinato contro il morbillo, il virus non può trasmettersi nella popolazione“. “La variante Delta infetterà ancora le persone che sono state vaccinate. E questo significa che chiunque non sia ancora vaccinato a un certo punto incontrerà il virus e non abbiamo nulla che possa fermare completamente quella trasmissione” ha spiegato Pollard.

Il concetto di immunità di gregge si basa sul fatto che la maggior parte di una popolazione che ottiene l’immunità fornisce una protezione indiretta da una malattia infettiva per i non vaccinati e per coloro che non sono mai stati infettati. 

Variante Delta, Oxford: “L’immunità di gregge non è una possibilità”

L’immunità di gregge dal Covidnon è una possibilità” e Pollard, che è anche direttore del Centro Vaccini dell’Università di Oxford e coprotagonsita dello sviluppo del farmaco prodotto da AstraZeneca, lo ha ribadito di fronte ad una commissione parlamentare.

Ha spiegato che gli antidoti a disposizione si stanno rivelando efficaci per “rallentare” la pandemia e contenere gli effetti gravi, ma non si tratta di una barriera totale contro le mutazioni. Pollard h aggiunto che nuove varianti più aggressivi non sono da escludere e ha insistito che non si può pensare all’immunità di gregge. Anche il professor Paul Hunter, virologo all’Università di East Anglia, e la professoressa Devi Sridhar, direttrice del dipartimento di Igiene e Sanità Pubblica nell’ateneo di Edimburgo, hanno confermato.

Secondo loro i vaccini hanno “inciso” sulla pandemia, ma non stanno risolvendo il problema

Variante Delta: l’immunizzazione dei giovani

Il professor Hunter ha parlato dell’immunizzazione dei ragazzi di 17 anni, spiegando che i dati sugli anticorpi suggeriscono che la maggior parte dei giovani ha già avuto l’infezione e l’ha risolta. Ha spiegato che bisogna vaccinare i ragazzi appartenenti a questo gruppo di età. Hunter ha dichiarato che la comparsa di nuove varianti in grado di sfuggire alla protezione dei vaccini è inevitabile. Ha sottolineato che una parte dei vaccinati continua a contagiare i non vaccinati

Contents.media
Ultima ora