Vaticano, frate abusa di una suora: investitura cancellata
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Vaticano, frate abusa di una suora: investitura cancellata
Cronaca

Vaticano, frate abusa di una suora: investitura cancellata

Padre Giovanni Salonia, frate psicologo, avrebbe violentato una suora. Il vaticano toglie l'investitura come vescovo ausiliare di Palermo.

Gli abusi arrivano anche in Vaticano. Un frate cappuccino siciliano, noto anche per le sue sedute psicologiche, tanto è vero che il Papa lo voleva come vescovo ausiliare di Palermo, avrebbe violentato una suora religiosa. L’uomo code di conoscenze, protezioni e amicizie piuttosto forti in campo ecclesiastico e questo fatto avrebbe intimorito la suora, al punto tale da sporgere denuncia solo in un secondo tempo. Questa infatti temeva conseguenze negative e di non essere sostenuta da parte della Chiesa. La donna si sarebbe confidata anche con alcuni medici.

Investitura cancellata

Il suo nome è Padre Giovanni Salonia e Papa Francesco lo conosceva molto bene. Aveva proposto il suo nome, su consiglio di monsignor Lorefice, come vescovo ausliare della diocesi palermitana. Tuttavia quando sembrava tutto pronto, la sua investitura è stata cancellata dal Vaticano, senza fornire alcuna spiegazione. Secondo alcune fonti, pare che qualcuno abbia fatto arrivare al Papa un dossier, con delle informazioni che mostravano passato incompatibile con la consacrazione.

La risposta di Padre Salonia

La mancata promozione ha suscitato polemiche in Sicilia e per placare sospetti, Padre Salonia ha risposto attraverso un comunicato, dove annuncia di aver rinunciato spontaneamente alla nomina: «Avevo accettato in spirito di servizio ecclesiale questo impegnativo e delicato ufficio, a cui, in modo imprevisto e inaspettato, ero stato chiamato.

Tale nomina, mentre in tanti aveva suscitato sentimenti di gioia e di speranza, in qualcun altro ha provocato intensi sentimenti negativi, con attacchi nei miei confronti infondati, calunniosi e inconsistenti, ma che potrebbero diventare oggetto di diverse forme di strumentalizzazione, anche di tipo mediatico».

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche