×

Vende abracci per salvare la figlia con la leucemia

Condividi su Facebook

Quasi tutti i genitori sono disposti a sacrificarsi per risparmiare sofferenze ai propri figli, soprattutto se si tratta della salute del proprio bambino, niente è troppo gravoso. Lo sta dimostrando una mamma cinese, Chen Dejuan, 28 anni, per poter curare la sua piccola Nana, 4 anni, da tempo ammalata di leucemia. Ormai i risparmi della giovane famiglia sono terminati per le cure e i trattamenti della piccola malata, senza cure le speranze di salvare la bambina sono zero, così la mamma disperata tutte le mattine si reca nella stazione della metropolitana della città di Chongqing e tenendo seduta vicino a lei la figlioletta con la mascherina protettiva e con tutti i certificati medici che confermano la gravità della malattia, vende ai passanti “abbracci affettuosi” in cambio di 10 yuan che equivalgono a 1,50 euro.

Pare che il cuore delle persone avvicinate si faccia conquistare da questo atto insolito, tant’è che il primo giorno la tenera mamma ha incassato quasi 90 euro, inoltre la loro storia e questa singolare iniziativa hanno sensibilizzato il popolo del web che si è mobilitato per sostenere economicamente la bambina e la sua famiglia ed aiutarli a sconfiggere questa terribile malattia.

Nato a Milano, classe 1983 è laureato in Comunicazione Digitale. Collabora con Notizie.it di cui, dal 2018, è direttore responsabile e ha scritto per Il Giorno, NewNotizie e Daily Word Italia.


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
0 Commentatori
più recenti più vecchi
Vende abracci per salvare la figlia con la leucemia | Ultime Notizie Blog

[…] Vende abracci per salvare la figlia con la leucemia sembra essere il primo su […]


Contatti:
Daniele Orlandi

Nato a Milano, classe 1983 è laureato in Comunicazione Digitale. Collabora con Notizie.it di cui, dal 2018, è direttore responsabile e ha scritto per Il Giorno, NewNotizie e Daily Word Italia.

Leggi anche