Vertice NATO, Turchia arma anti Isis minacciata dai separatisti curdi - Notizie.it
Vertice NATO, Turchia arma anti Isis minacciata dai separatisti curdi
Esteri

Vertice NATO, Turchia arma anti Isis minacciata dai separatisti curdi

Riunione d’urgenza dei 28 paesi aderenti alla Nato, ieri a Bruxelles, su convocazione della Turchia.

Il tema è di quelli scottanti e attuali che più non si può, ovvero la lotta al terrorismo. Un tema sul quale l’Alleanza Atlantica non può che trovarsi in pieno accordo, come ha del resto evidenziato il segretario generale Jens Stoltenberg, ribadendo che “Il terrorismo pone una minaccia diretta alla sicurezza dei membri dell’Alleanza e alla stabilità e alla prosperità internazionali”.

Ankara ha assunto in questi mesi un ruolo di primo piano nella lotta al terrorismo perché alla Turchia è affidato il compito di affrontare l’avanzata dei miliziani dello Stato Islamico dal nord della Siria, in direzione dell’Europa. In tal senso, il presidente turco Recep Tayyp Erdogan ha ribadito l’impegno del suo paese, citando anche la cosiddetta “zona cuscinetto”, un’area posta nella Siria settentrionale libera dalla presenza del Califfato, frutto di precisi accordi con Washington e che, stando alle parole di Erdogan, “aiuterà 1,7 milioni di profughi siriani a ritornare”.

Il nodo e i possibili attriti sono sempre sull’annoso tema dei curdi.

Se i peshmerga si stanno rivelando fondamentali nella guerra all’Isis, è pur vero che frange estremiste curde hanno ripreso a loro volta attività terroristiche nei confronti dello stato turco. Di pochi giorni fa, ad esempio, è la notizia di un sergente dell’esercito turco freddato con un colpo alla testa da un militante curdo nei pressi di Semdinli, non lontano dal confine iracheno.

La comunità internazionale, con Stoltenberg e con il presidente della Commissione UE Jean Claude Juncker, si è limitata a invitare Ankara a rispondere all’azione dei separatisti curdi in maniera proporzionale, al fine di evitare che la situazione possa degenerare.

Nel qual caso, la gestione del fronte siriano e dell’offensiva dell’Isis diventerebbe davvero molto più complicata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche