×

Vestiti da sposa nell’800

default featured image 3 1200x900 768x576

Le spose nel 1800 non indossavano sempre abiti bianchi. Prima della Regina Vittoria indossavano degli abiti di colore chiaro, luminoso oppure sceglievano il loro vestito migliore, quello della domenica o da viaggio, secondo The knot. Molti vestiti andavano dal bianco all’avorio ma le tinte potevano essere anche scure, come blu, grigio o nero.

I colori

Molte spose indossavano vestiti a fiori o a righe. Questo stile era favorito soprattutto dal 1825 al 1850. Nel 1840, quando la regina Vittoria sposò il Principe Alberto, lo standard cambiò, secondo il Victoriana Magazine. Le spose cominciarono ad imitare l’abbigliamento della regina: una abito bianco in satin con balze in pizzo ricamato, il velo di pizzo e un’acconciatura con fiori d’arancio.

I tessuti

Prima che la Regina Vittoria influenzasse le spose del periodo, i vestiti da sposa erano spesso pesanti, resistenti, più utili che glamour.

Nella Irma Bowen Textile Collection al Museo dell’Università del New Hampshire nel 2010, gli abiti da sposa esposti andavano dalla lana al taffeta di seta. Altri tessuti erano il velluto e il broccato. Nel 1800 gli abiti venivano realizzati dalle cucitrici o dai membri della famiglia della sposa con lino, percalle, cotone o tessuto per tendaggi.

Stile

Le spose dell’epoca indossavano uno o due pezzi; quest’ultimo poteva essere riutilizzato anche dopo il matrimonio perchè più durevole, per esempio per una visita ai genitori o ai parenti.

Il pezzo solo aveva solitamente maniche lunghe, una scollatura modesta e diversi strati di tessuto.

Accessori

Le spose coprivano il capo con copricapo in pizzo (un precursore del velo moderno). Spesso il copricapo era l’unico pezzo bianco di tutto il look. Molte spose portavano il loro copricapo con orgoglio come segno del loro nuovo stato civile.

BIodich

6555 1290547351 4cec3097cd1e2 300x117

Contents.media
Ultima ora