×

Il misterioso tratto di ferrovia abbandonata a San Severino di Centola

Nonostante la galleria non risulti totalmente percorribile, il breve tratto sulla linea abbandonata è imperdibile per chi visita San Severino.

ferrovia abbandonata
ferrovia abbandonata

San Severino di Centola, in provincia di Salerno, è un borgo medievale abbandonato sovrastante la valle del fiume Mingardo. Risale al X-XI secolo e conserva le tracce delle varie epoche storiche fino al Novecento. Il nome del borgo deriva dalla famiglia più potente e ricca nel Principato di Salerno: i Sansevero. Nel 1624, gran parte della popolazione morì di peste. La costruzione della linea ferroviaria Pisciotta – Castrocucco risale al 1888 e coincide con il passaggio della popolazione alla valle. Uno dei tratti di questa ferrovia, ad oggi, è abbandonato. Visitando il borgo di San Severino, risulta tappa di visita obbligatoria.

san severino di centola

San Severino di Centola, la ferrovia

Il tratto di ferrovia abbandonato a San Severino di Centola, in provincia di Salerno, è una meta imperdibile per chi visita il borgo abbandonato. La linea, infatti, collegava le città di Salerno e Reggio Calabria attraversando un ponte di epoca fascista che riportava i tratti tipici di quegli anni. Le vecchie rotaie, però, sono state rimosse e buona parte del vecchio percorso ferroviario è stata invasa dalla vegetazione. Una minima parte, invece, è stata riconvertita in strada percorribile con mezzi privati.

ferrovia abbandonata

La stazione di San Severino di Centola, rimodernata negli ultimi anni, si ricollega al vecchio tracciato Ascea – San Mauro la Bruca attraverso un’apposita galleria. Quest’ultima, però, dal lato della variante risulta per un tratto murata senza possibilità di sbocco o uscita. Percorrere quei 3 chilometri circa di linea ferroviaria, infatti, risulterebbe illegale. Tuttavia, è possibile intraprende a piedi un percorso di qualche centinaia metri sulla linea abbandonata.

ferrovia

Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.


Contatti:

Contatti:
Laura Pellegrini

Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.

Leggi anche