×

L’Ue vieta l’ingresso a viaggiatori americani, brasiliani e russi?

Una decisione senza precedenti: l'Ue vieta l'ingresso a brasiliani, americani e russi? L'indiscrezione.

ue vieta ingresso viaggiatori
Ue vieta ingresso a viaggiatori da Paesi a rischio?

Il Coronavirus è tutt’altro che vinto e ciò viene testimoniato dai numeri del contagio che continuano a crescere in determinate aree territoriali. Al di là della situazione italiana – ove si registrano circa dieci focolai -, il mondo è preoccupato per quanto sta accadendo in Stati come gli Usa e il Brasile.

Per questo motivo, l’Ue sarebbe pronta a una decisione senza precedenti. A rilanciarlo sono le principali testate americane che evidenziano: “Ue vieta l’ingresso a viaggiatori americani”.

La decisione dovrebbe avere i crismi dell’ufficialità solo mercoledì 1 luglio quando i Paesi dell’Unione Europea riapriranno i propri confini anche con gli Stati non facenti parte del Vecchio Continente. Ma non solo viaggiatori americani, anche brasiliani e russi non saranno i benvenuti in Europa.

Ue vieta ingresso a viaggiatori

L’Ue, dunque, avrebbe intenzione di vietare l’ingresso a viaggiatori provenienti da Paesi a rischio. Secondo Bruxelles, infatti, Brasile, Stati Uniti e Russia non hanno fatto nulla per contrastare il Coronavirus e perciò i cittadini provenienti da queste aree territoriali rappresentano una vera e propria minaccia per la salute pubblica. Al momento, comunque, si tratta della bozza di un documento che dovrà essere recepito dalle Capitali europee entro e non oltre il 30 giugno.

Intanto, però, Bruxelles ha fatto sapere di essere pronta a riaprire i confini con la Cina. Ma a patto che Pechino faccia lo stesso con i viaggiatori del Vecchio Continente. Gli altri Paesi che potranno riprendere i collegamenti con l’Ue – sempre secondo la bozza diffusa dai media americani – sono: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia e Ungheria.

Contents.media
Ultima ora