×

Keep the Planet e il nuovo modo di aiutare la natura

Condividi su Facebook

I progetti di Keep the Planet offrono un'alternativa sostenibile che arricchisce sia la biodiversità, sia l'animo di chi partecipa.

keep the planet aiutare la natura

Nonostante questo periodo in cui gli spostamenti sono limitati, prima o poi ritorneremo a viaggiare e quel momento sarà speciale.

Un viaggio che può diventare anche esperienza di vita, professionale e personale, se fatto con le dovute accortezze.

Da diversi anni infatti è possibile associare il viaggio con il volontariato ambientale così come lo propone Keep the Planet, un’associazione ecologista impegnata nella salvaguardia degli ecosistemi naturali e delle specie selvatiche al suo interno.

Keep the Planet si occupa di mettere in contatto i volontari italiani con le associazioni locali impegnate in progetti di conservazione.

Non ci sono limiti di età e di esperienza, tutti possono partecipare a questi progetti che spaziano dalla tutela delle foreste, al monitoraggio di specie simbolo come l’orango, il leone e la tigre.

Questi progetti hanno una durata variabile a partire da una settimana, fino anche ad un anno ed oltre.

Le opportunità sono sparse nei quattro angoli del pianeta, dalla savana africana, alla giungla del Borneo, fino alle spiagge del Messico, c’è l’imbarazzo della scelta.

Queste esperienze di volontariato sul campo uniscono il piacere del viaggio alla gratificazione del mettersi in gioco per l’ambiente.

Spesso questi progetti rappresentano l’ultima difesa contro la distruzione del territorio che da habitat naturale viene trasformato in area agricola o industriale.

I progetti di conservazione offrono un’alternativa sostenibile che dà lavoro alle persone del posto arricchendo sia la biodiversità, sia l’animo di chi partecipa.

Spesso e volentieri queste esperienze sono anche il primo gradino di accesso per una carriera nella conservazione della natura.

Nonostante siano aperti a tutti, i campi di volontariato ambientale sono particolarmente consigliati a tutti i recenti laureati in cerca di occupazione.

Veterinari, biologi, ecologi e non solo hanno infatti necessità di acquisire conoscenze e competenze tecnico pratiche che si ottengono solamente lavorando sul campo e non sui libri universitari.

Ecco quindi la necessità di mettersi in gioco in un settore altamente competitivo come quello della conservazione.

Moltissime persone infatti vogliono lavorare nella natura a stretto contatto con specie simbolo, ma per farlo bisogna eccellere e differenziarsi anche attraverso una o più esperienza di volontariato.

Grazie ad un ricco database riservato agli iscritti all’associazione che puoi consultare nel sito dell’associazione Keep the Planet, puoi scoprire le varie opportunità e partire per un viaggio all’insegna della natura e degli animali.

A seconda della tua passione e desiderio, potrai scegliere una meta piuttosto che un’altra, e non necessariamente bisogna rivolgersi verso mete lontane.

Anche in Italia ci sono diverse opportunità di lavoro/volontariato: dal monitoraggio dei nidi di tartaruga marina, alla conservazione dei cetacei, l’importante è prendere coraggio e partire per un’esperienza indimenticabile.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche

Templewo, in Polonia e la colonia di formiche nel bunker
Viaggi

Polonia: Templewo e il bunker Object 3003

In Polonia, il bunker Object 3003, nel villaggio di Templewo. Caduto nell’oblio dopo la caduta dell’URSS, divenne il nido di formiche cannibali, scoperte nel 2013
Contents.media