×

Agdam, la città fantasma più grande al mondo e la sua squadra di calcio

La storia di Agdam, la città fantasma più grande al mondo chiamata anche l'Hiroshima del Caucaso. E quella parallela del Quarabag, la sua squadra di calcio

Agdam

Agdam, fondata intorno alla fine del XVIII secolo (status ufficiale nel 1828) e situata in una zona di confine nello Stato dell’Azerbaigian è considerata la città fantasma più grande al mondo.

Agdam la città fantasma

La città un tempo contava circa 50.000 abitanti ed ora è praticamente disabitata a parte pochi contadini e allevatori che hanno trasformato le sue rovine in periferia come zona di pascolo per gli animali.

È una città completamente distrutta. Solo la maggiore moschea della cittadina e poche altre strutture sono rimaste in piedi e versano comunque in cattive condizioni. Tanto che c’è chi la chiama addirittura l’Hiroshima del Caucaso.

Primo conflitto Nagorno Karabakh

Tutto è cominciato nell’ambito del primo conflitto del Nagorno Karabakh. L’inizio della fne per Agdam è cominciato quando l’esercito dell’Azerbaigian deicse di utilizzare la città come base dalla quale lanciare bombardamenti e incursioni missilistiche sul Karabakh.

Agdam era infatti strategicamente importantissima in quanto vicinissima a Stepanakert, dove erano partite la maggior parte delle controffensive azere. Gli abitanti fuggirono nei paesi vicini ad est e Agdam divenne una città fantasma. Le sue rovine usate come materiali da costruzione, anche a Stepanakert.

La squadra di calcio in esilio

Tra gli esuli azeri anche i giocatori della squadra di calcio locale, il Qarabag, la squadra azera da anni costretta ad allenarsi e giocare le partite lontano dalla sua patria.

Tra i tanti edifici distrutti nei bombardamenti del primo conflitto, anche lo stadio “Imarat”. La sua storia è stata conosciuta dal grande pubblico soprattutto in occasione dei turni preliminari di Europa League del 2009.

Bonifica e ricostruzione

Riconquistata dalle forze azerbaijane in seguito allo scontro riesploso nel 2020 la zona di Agdam, come le altre province azere nei dintorni del Nagorno Karabakh, è oggi disseminata dalle mine lasciate dai soldati armeni. Tanti esuli sperano che la città venga ricostruita ma serviranno anni prima della bonifica dalle mine.

L’Italia è stata il primo paese occidentale a visitare – prima con una delegazione parlamentare, e subito dopo con una rappresentanza del Governo – i territori riconquistati dall’Azerbaijan in Nagorno Karabakh.

Classe 1971, nata a Roma, lavora come inviata e redattrice presso ArtsLife.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Vera Monti

Classe 1971, nata a Roma, lavora come inviata e redattrice presso ArtsLife.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora