×

Mattarella per governo di legislatura. Ai partiti: fare presto

Roma, 22 ago. (askanews) – Fare presto. E’ questa la sollecitazione che Mattarella ha rivolto ai rappresentanti dei partiti incontrati al Quirinale nella prima giornata di consultazioni avviate dopo le dimissioni di Giuseppe Conte.

Per quanto riguarda la possibilità che si possa varare, nei brevi tempi richiesti, un governo nuovo in Parlamento Mattarella ha fatto presente ai gruppi come questo non dovrà essere un governo contro le elezioni ma un esecutivo saldo con una maggioranza (numeri) politica chiara e con un programma di respiro per la legislatura.

“Nel gruppo Misto della Camera ci sono posizioni differenziate tra le sei componenti. Condividiamo l’assoluta fiducia nel presidente della Repubblica, nella sua saggezza di agire, anche se non spetta a lui i risolvere i problemi ma ai partiti”, ha detto il presidente del gruppo Misto della Camera Manfred Schulian dopo le consultazioni al Quirinale.

“Non verrà staccato nessun assegno in bianco per qualsiasi governo che dovesse esserci presentato”, ha dichiarato.

In favore di un governo non di transizione ma costruito su una maggioranza con un programma condiviso si sono dichiarati Beatrice Lorenzin (Civica popolare), Alessandro Fusacchia (+Europa). Renate Gebhard ha detto che la Svp attende “garanzie” sulla tutela delle Autonomie speciali e delle minoranze linguistiche prima di pronunciarsi. Il Maie con Antonio Tasso e Sogno Italia con Nello Vitiello hanno invece annunciato di attendere le successive decisioni di Mattarella prima di pronunciarsi.

Maurizio Lupi, di Noi per l’Italia, ha invece auspicato elezioni anticipate: “Se si formasse una maggioranza M5s-Pd – ha spiegato – sarebbe legittima ma non potrebbe mai avere il nostro appoggio”.

“Abbiamo confermato a Mattarella la disponibilità di Leu a dare un contributo per verificare le condizioni per un governo politico in grado di affrontare questioni importanti per il Paese”. Lo ha detto il capogruppo di Leu alla Camera, Federico Fornaro, al termine delle consultazioni al Quirinale.

© Riproduzione riservata