×

Amazon, un nuovo deposito smistamento a Santarcangelo di Romagna

Santarcangelo di Romagna, 17 ott. (askanews) – Il punto di forza saranno gli spedizionieri locali che con i propri mezzi, conoscendo il territorio, potranno garantire le consegne in modo ancora più rapido e preciso. Amazon dà il via a un nuovo progetto in Italia, il terzo in Emilia-Romagna, per servire le province di Rimini, Forlì, Cesena, Pesaro ed Ancona. La sede del quindicesimo deposito di smistamento italiano è nella zona industriale di Santarcangelo di Romagna, in provincia di Rimini, ed è entrata ufficialmente in funzione a meno di un anno dall’inizio dei lavori. Il responsabile di Amazon Italia Logistics per il Centro-Sud Italia, Sergio Panico: “Abbiamo avviato questo stabilimento a settembre di quest’anno. Siamo ancora in una fase di start-up. In questo momento impieghiamo a regime 120 a tempo indeterminato tra personale d’ufficio, collaboratori di magazzino e autisti dei nostri fornitori di trasporto”.

I 7.700 mq di magazzino sono stati realizzati con un’attenzione particolare all’impatto ambientale e all’efficienza energetica, tra pannelli fotovoltaici sui tetti, illuminazione a led e rivestimenti con materiali isolanti di classe A. Il sindaco di Santarcangelo di Romagna, Alice Parma: “E’ uno stabilimento all’avanguardia sotto tutti i punti di vista, c’è un’attenzione all’ambiente molto importante. Si annovera tra i nuovi stabilimenti che stanno arrivando nei nostri territori con un impatto ambientale sicuramente calmierato, dalle nuove tecnologie. Sia la costruzione interna che quella esterna danno lustro al nostro territorio sotto il profilo delle nuove tecnologie nell’ambito dell’impresa industriale”.

“Crediamo che possa rappresentare anche un’opportunità di lavoro per i nostri giovani all’interno del territorio”, ha aggiunto Parma.

I dipendenti di Amazon lavoreranno in turni notturni per la ricezione della merce dai centri di smistamento e per garantire le consegne dalla mattina successiva.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000