×

Almeno 8 morti per proteste in Cile, presidente: Paese in guerra

Santiago, 21 ott. (askanews) – Il Cile è nel caos, un paese in guerra come lo ha definito il presidente Sebastian Pinera. Il bilancio dei primi tre giorni di proteste nel Paese sudamericano è ancora incerto ma si parla di una decina di morti negli scontri con le forze dell’ordine, centinaia di feriti e 1500 arresti. Tutto è iniziato con l’annuncio di nuovi rincari e per l’elevato costo della vita: sono scoppiati tumulti e ci sono stati saccheggi in tutto il paese.

“Siamo in guerra contro un nemico potente, implacabile, che non rispetta niente e nessuno e che è pronto a usare la violenza e la delinquenza senza alcun limite”, ha dichiarato senza usare mezzi termini il presidente Sebastian Pinera, accusato a sua volta di essersi recato in pizzeria venerdì sera, mentre la capitale bruciava per le proteste.

Intanto, per la seconda notte consecutiva, un coprifuoco è stato imposto a Santiago tra le 19 e le 6 del mattino, mentre lo stato d’emergenza è in vigore in diverse regioni.

Quasi 10.000 poliziotti e soldati sono stati dispiegati dalle autorità cilene per cercare di soffocare le proteste. Le pattuglie militari per le strade di Santiago e nel resto del Paese sono le prime dalla fine della dittatura del generale Augusto Pinochet (1973-1990).

Il generale Javier Iturriaga, incaricato della Sicurezza pubblica dal capo dello Stato, da parte sua ha invitato i cileni a rimanere “calmi” e a non uscire di casa.

Ma la situazione è di altissima tensione. Cinque persone sono rimaste uccise in un incendio di una fabbrica di abbigliamento, che era stata prima saccheggiata.

© Riproduzione riservata
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Accordo di pace storico tra Israele ed Emirati Arabi
Video

Accordo di pace storico tra Israele ed Emirati Arabi

13 Agosto 2020
Roma, 13 ago. (askanews) - Israele ed Emirati arabi uniti hanno raggiunto uno storico accordo di pace che porterà alla piena normalizzazione dei rapporti diplomatici tra i due paesi del…
Il coronavirus mette in crisi il turismo a Taormina
Video

Il coronavirus mette in crisi il turismo a Taormina

13 Agosto 2020
Taormina, 13 ago. (askanews) - Strade e locali semi deserti, è l'estate più difficile per Taormina. La "perla dello Jonio", capitale turistica della Sicilia, paga più di tutti le incertezze…
Entire Digital Publishing - Learn to read again.