> > Siria, accordo storico tra Russia e Turchia per una tregua di 150 ore

Siria, accordo storico tra Russia e Turchia per una tregua di 150 ore

Siria Russia Turchia

Russia e Turchia hanno raggiunto uno storico accordo per concedere alle truppe curdo siriane 150 ore affinché si allontanino dalla zona di sicurezza.

Sulla questione Siria si sono confrontati i presidenti di Russia e Turchia, giunti a un accordo storico tra le due nazioni. L’intesa prevede la concessione di 150 ore alle milizie curdo siriane per lasciare la zona di sicurezza.

Siria, accordo tra Russia e Turchia

A Sochi, nella Russia meridionale, quasi sei ore di colloquio hanno permesso al presidente turco Erdogan e al collega russo Putin di trovare un’intesa sulla vicenda siriana.

Lo ha annunciato in conferenza stampa Sergej Lavrov, ministro degli Esteri russo.

I termini dell’accordo

Stando ai patti, dalle ore 12 del 23 Ottobre, “la polizia militare russa e le guardie di frontiera siriane entreranno nella zona siriana dal confine turco“. Ciò non andrà a coinvolgere l’area interessata dall’operazione Peace Spring, offensiva turca iniziata il 9 Ottobre. Le truppe dell’Ypg, l’Unità di Protezione Popolare presente nelle regioni a maggioranza curda nel nord della Siria, avranno 150 ore per allontanarsi di 30 chilometri dalla zona di sicurezza.

Le milizie curdo siriane dovranno abbandonare inoltre le città di Tell Rifaat e Manbij.

Una volta trascorse le ore pattuite, nei territori adiacenti all’area in cui imperversava l’offensiva turca si collocheranno “pattuglie turco-russe che potranno agire a una profondità di 10 chilometri“. Nel frattempo si avvicina la scadenza della tregua raggiunta con gli Usa. Questa ha permesso di placare l’offensiva turca contro i curdi nel nord-est della Siria, iniziata il 9 Ottobre scorso.

Con l’ultimo accordo, Erdogan conclude le sue operazioni militari nel nord della Siria. D’ora in avanti, tutto sarà nelle mani dei combattenti curdi e della loro ritirata dal confine con la Turchia.