×

Firenze, Conte cita Calamandrei e promette 1600 nuovi ricercatori

Firenze, 21 gen. (askanews) – Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è intervenuto a Palazzo Vecchio per l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Firenze e ha esordito citando Piero Calamandrei:

“L’Italia ha ancora qualcosa da dire, fu questo il titolo del primo discorso pronunciato dal rettore Calamandrei, dopo la liberazione della città”.

“Questo motto oggi non deve risultare fuori tempo la politica che cerca di traghettare l’Italia fuori da una crisi lunga e complessa – ha proseguito Conte, sottolineando – deve assumere come sua, l’idea che questo paese e le sue istituzioni tutte, anche quelle culturali, abbiano ancora molto e speriamo per lungo tempo qualcosa da dire, da insegnare anche al resto del mondo”, ha aggiunto.

E mentre il rettore Luigi Dei, ha lanciato “un sincero grido di dolore” di fronte alla mancanza di investimenti nell’Università italiana e nella ricerca, nel suo discorso il premier ha promesso:

Raccolgo le critiche che sono state formulate, siamo però consapevoli che dobbiamo varare un piano strutturale di riforme e interventi significativi in favore dell’università e della ricerca”.

“Dobbiamo subito immettere nuovi ricercatori nel sistema e vi annuncio che stiamo valutando in questi giorni, proprio in queste ore, un emendamento da inserire, in sede di conversione in legge del decreto legge di proroga termini, la presentazione di una norma volta a immettere immediatamente nel sistema 1600 nuovi ricercatori”, ha annunciato.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000