×

Lo Stato risarcisce l’ex 007 Contrada per ingiusta detenzione

Palermo, 7 apr. (askanews) – Indagare, processare e condannare l’ex numero 2 del Sisde Bruno Contrada è stato un errore giudiziario. Lo ha messo nero su bianco la Corte d’Appello di Palermo che con l’ordinanza depositata il 6 aprile 2020 ha ritenuto “illegittima e illegale” l’azione giudiziaria nei confronti di Contrada “fin dall’apertura delle indagini perché si è svolto – scrivono i giudici – in relazione a fatti che al momento in cui sono stati commessi erano privi di rilevanza penale”.

L’ex “super poliziotto”, oggi 88enne, fu arrestato il 24 dicembre 1992 con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. I magistrati che lo portarono alla sbarra, sulla base delle dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia tra i quali Gaspare Mutolo e Tommaso Buscetta, sostenevano che Contrada fosse stato nelle mani di Cosa nostra attraverso il boss Rosario Riccobono. Un processo lunghissimo, che dopo una condanna in primo grado a 10 anni e 3 di libertà vigilata, passò per l’assoluzione in secondo grado, che fu però annullata con rinvio dalla Cassazione che nel 2002 dispose un nuovo processo che si concluse nel 2007 con la condanna definitiva.

Complessivamente, Contrada ha trascorso 4 anni e mezzo in carcere, e 3 anni e mezzo ai domiciliari, subendo tra l’altro la sospensione della pensione. Due anni invece sono stati condonati per buona condotta. Solo nel 2012 l’ex numero 2 del Sisde ha terminato di scontare la sua pena, tornando libero. Tre anni dopo, la Corte Europea dei diritti dell’Uomo ha condannato l’Italia a risarcire il poliziotto, ritenendo che non dovesse essere né processato né condannato perché all’epoca dei fatti contestati, avvenuti a cavallo tra gli anni ’70 e ’80, il reato di concorso esterno in associazione mafiosa non fosse “chiaro, né prevedibile”.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.