×

Giovane “torturato” dalla polizia, scoppia la rivolta in Messico

Guadalajara, 5 giu. (askanews) – Si chiamava Giovanni Lopez e aveva 30 anni. È stato arrestato all’inizio di maggio e sarebbe morto per le percosse subite dai poliziotti mentre era in custodia, pare, per non aver indossato la mascherina anti-coronavirus. La sua famiglia ha denunciato la sua morte solo ora e in Messico, a Guadalajara, sono scoppiati violenti scontri.

Le manifestazioni di protesta hanno preso una svolta violenta con due veicoli di pattuglia incendiati e manifestanti che hanno assaltato l’edificio del governo regionale mentre la polizia antisommossa cercava di disperderli.

Sui social spopola l’hashtag “Giustizia per Giovanni” e “Alfaro assassino”, quest’ultimo è Enrique Alfaro, governatore dello Stato di Jalisco, dove si trova Guadalajara, il quale ha promesso che i colpevoli saranno puniti:

“Condividiamo la preoccupazione per gli atti di questi poliziotti che hanno fatto un uso indebito della forza pubblica e vi prometto che i responsabili di questi fatti la pagheranno”

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.