×

Muore di Covid Giscard d’Estaing, modernizzatore della Francia

Milano, 3 dic. (askanews) – È morto a causa di complicanze generate dal Covid-19, circondato dalla sua famiglia nella sua proprietà ad Authon in Loir-et-Cher, all’età di 94 anni. Valéry Giscard d’Estaing è stato presidente della Repubblica francese dal 1974 al 1981, un periodo complesso per la storia europea e per l’economia della Marianne. Giscard è passato alla storia come modernizzatore. Così nella notte, lo ha ricordato anche il ultimo successore Emmanuel Macron: un Capo di Stato il cui “mandato di sette anni trasformò la Francia”.

Un prodotto originale dell’élite francese, Polytechnique e poi l’ENA per la sua formazione, si affermò nel panorama politico dall’inizio della Quinta Repubblica occupando diversi incarichi ministeriali dal 1962. In opposizione al gaullismo riuscì a conquistare l’Eliseo nel 1974, vincendo prima a destra contro Jacques Chaban-Delmas, erede rivendicato dal generale de Gaulle, poi battendo sul filo il candidato socialista François Mitterrand.

La sua ambizione era riunire “due francesi su tre” con riforme sociali significative: abbassamento della maggiore età a 18 anni, legalizzazione dell’aborto, creazione di una Segreteria di Stato per la condizione femminile, affidata alla giornalista Françoise Giroud, icona della libertà di stampa e della lotta alla discriminazione.

Giscard alleggerì lo sfarzo presidenziale e impose un nuovo stile, eppure nelle sue memorie parla della “frustrazione di un lavoro incompiuto”.

È sopravvissuto a molti suoi successori, da Jacques Chirac a François Mitterrand. Quanto all’immortalità, l’aveva già ottenuta nel 2003, quando è stato eletto all’Accademia di Francia.

© Riproduzione riservata
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media