> > Violenza online contro le donne, Boldrini lancia #eiotipubblico

Violenza online contro le donne, Boldrini lancia #eiotipubblico

featured 1674333

Roma, 23 nov. (askanews) - Laura Boldrini parla della "piaga sociale" della violenza contro le donne alla Camera, nel quadro del dibattito sulle mozioni in vista della giornata internazionale dedicata a questo fenomeno, il 25 novembre, e lancia la campagna online "eiotipubblico" invitando a pubbli...

Roma, 23 nov. (askanews) – Laura Boldrini parla della “piaga sociale” della violenza contro le donne alla Camera, nel quadro del dibattito sulle mozioni in vista della giornata internazionale dedicata a questo fenomeno, il 25 novembre, e lancia la campagna online “eiotipubblico” invitando a pubblicare gli screenshot con gli account di chi insulta le donne, come lei stessa ha fatto questa mattina con un collage di insulti a lei rivolti.

“Io vorrei soffermarmi sulla violenza di nuova genrazione, quella digitale.

Vorrei dire due parole sul revenge porn, una modalità feroce” ha detto la deputata del Partito Democratico, “per cui una coppia si lascia e quasi sempre l’uomo espone sui social media le foto intime della donna, lo fa per vendetta, e la vita della ragazza diventa un incubo. E poi c’è il volto del linguaggio d’odio, del sessismo, della misoginia online”.

“Non è normale che se una donna si espone in politica, nei media, nell’attivismo, nel mondo della cultura e dello spettacolo venga sottoposta sui social a insulti violenti e volgari, non è normale.

Non ha a che fare con la libertà d’espressione, è una modalità misogina e sessista altamente diffamatoria. Sbeffeggiare le donne mira ad intimidirle per poi estrometterle dal dibattito pubblico”.

“Ci vuole un’azione collettiva, una denuncia pubblica; confrontandomi con altre colleghe di vari schieramenti politici si è deciso per il 25 novembre una campagna online con l’hashtag “eiotipubblico”: tu mi umili con le tue sconcezze? E io ti pubblico. Èerché non deve accadere che noi donne ci troviamo a convivere con questi metodi violenti oppure a uscire dai social”.