> > Violenza sessuale sul treno Milano-Varese, i due ventenni negano: convalidati...

Violenza sessuale sul treno Milano-Varese, i due ventenni negano: convalidati gli arresti

violenza sessuale treno arresti

I due ragazzi accusati della violenza sessuale sul treno Milano-Varese negano e rimangono in carcere: il Gip ha convalidato i loro arresti.

Il Giudice per le indagini preliminari di Busto Arsizio Luisa Bovitutti ha convalidato gli arresti per i due ragazzi di 21 e 27 anni fermati nell’ambito delle indagini sulla violenza sessuale avuta luogo sul treno Milano-Varese ai danni di di una ragazza e sull’aggressione ad un’altra giovane nella stazione di Vengono Inferiore.

Secondo quanto appreso avrebbero negato gli addebiti e dovranno rimanere in carcere.

Violenza sessuale sul treno: convalidati gli arresti

Durante l’interrogatorio i due si sarebbero contraddetti più volte. In particolare uno dei due avrebbe raccontato di essere stato presente durante i fatti, verificatisi lo scorso 3 dicembre, ma di non aver materialmente partecipato alla violenza. Il secondo indagato ha invece riferito di non essere lui l’autore del gesto.

Entrambi gli indagati sono stati identificati dalla vittima e sono stati arrestati mentre partecipavano a una festa in un appartamento di Vengono Inferiore, in provincia di Varese.

Lo stesso paese dove è avvenuta la tentata violenza.

Violenza sessuale sul treno, convalidati gli arresti: i due indagati restano in carcere

Dopo i fatti la ragazza molestata aveva infatti fornito alle autorità un identikit dei due stupratori che, incrociato con le immagini delle telecamere, avevano permesso la loro identificazione. Per il momento il Gip ha disposto la permanenza in carcere dei due ragazzi che sono accusati di violenza sessuale in concorso e rapina.