×

Voli aerei, i 17 peggiori atteggiamenti dei passeggeri: la lista di Caroline Mercedes

L’assistente di volo Caroline Mercedes ha stilato una lista dei 17 peggiori atteggiamenti messi in atto dai passeggeri a bordo degli aerei.

lista

L’assistente di volo americana, Caroline Mercedes, ha stilato una lista delle 17 cose che lei e i suoi colleghi vorrebbero che i passeggeri smettessero di fare.

Voli aerei, i 17 peggiori atteggiamenti dei passeggeri: la lista di Caroline Mercedes

Caroline Mercedes, scrittrice freelance, travel blogger e social media influencer, ha passato gli ultimi 5 anni della sua vita a viaggiare per il mondo come assistente di volo.

Dopo aver svolto il suo lavoro per un intero lustro, la donna ha ammesso di aver avuto la possibilità di osservare tutto ciò che può accadere su un aereo.

A questo proposito, dialogando con alcuni dei suoi colleghi, ha deciso di fare una lista dei 17 atteggiamenti peggiori messi in pratica dai passeggeri.

Voli aerei, i 17 peggiori atteggiamenti dei passeggeri: top tre

1. Ignorare gli assistenti di volo alla porta d’imbarco è scortese

Caroline Mercedes ha spiegato che, nella maggior parte dei casi, i passeggeri non salutano gli assistenti di volo che li accolgono alla porta d’imbarco. Un simile atteggiamento è particolarmente sgradito: se gli assistenti di volo possono dire buongiorno o buonasera a più di 200 persone in fila, anche i passeggeri dovrebbero essere in grado di rispondere al saluto almeno una volta.

2. Non chiedere se si riuscirà a non perdere una coincidenza troppo ravvicinata

Volare può essere stressante e le coincidenze, talvolta, possono essere molto ravvicinate tra loro: tuttavia, sarebbe meglio prenotare voli che distino almeno un’ora l’uno dall’altro per non avere problemi durante il viaggio. “Non so dire quante volte un passeggero mi ha chiesto se riuscirà a rispettare la sua coincidenza quando il nostro volo sta atterrando in orario o in anticipo. Purtroppo, se bisogna chiederlo, la risposta è probabilmente no”, ha osservato la donna.

3. Non punzecchiare l’assistente di volo

Uno degli atteggiamenti più molesti dei passeggeri è rappresentato dal punzecchiare gli assistenti di volo. Sia Caroline Mercedes che i suoi colleghi reputano quest’abitudine estremamente fastidiosa e poco adatta a qualiasi contesto sociale, incluso l’aereo.

Per questo motivo, se si ha bisogno di rivolgersi a un assistente di volo, sarebbe preferibile usare la voce, alzare la mano o pigiare il pulsante di chiamata.

Voli aerei, i 17 peggiori atteggiamenti dei passeggeri: le altre posizioni

4. Togliersi le scarpe sull’aereo è volgare

Dopo essersi imbarcati sull’aereo, alcuni passeggeri si tolgono le scarpe e camminano a piedi nudi. Secondo Caroline Mercedes, questa usanza “è disgustosa” e certamente poco gradita ai vicini del passeggero che “probabilmente non apprezzano i piedi puzzolenti”.

5. Non chiedere coperte

Contrariamente a quanto si pensi, sugli aerei non esistono scorte extra di coperte. Pertanto, per contrastare eventuali sbalzi climatici durante gli spostamenti, Caroline Mercedes ha invitato i passeggeri a vestirsi a strati in modo tale da non dover patire il freddo e chiedere una coperta. Una simile richiesta, infatti, viene sistematicamente delusa in quanto sugli aerei non sono presenti scorte illimitate

6. Non suonare il campanello per consegnare la spazzatura

Concluso il servizio bevande, gli assistenti di volo passano tra i passeggeri per raccogliere la spazzatura. L’operazione viene fatta spesso e, per questo motivo, esiste sente un membro del personale tra i corridoi. Per questo motivo, quindi, Caroline Mercedes ha osservato: “È frustrante quando qualcuno suona il campanello di chiamata per raccogliere la spazzatura, perché probabilmente siamo appena stati lì, e potremmo non avere i guanti o un sacchetto della spazzatura con noi”.

7. Togliere le cuffie quando si parla con un assistente di volo

Per gli assistenti di volo, è difficile comunicare con i passeggeri che non si tolgono le cuffie. In una simile circostanza, infatti, è difficile farsi capire anche con l’audio in pausa mentre il passeggero non riesce a rendersi conto di quanto stia, in realtà, parlando a voce bassa.

8. Non andare in bagno appena ci si imbarca o si decolla

Buona parte dei passeggeri, in quasi tutti i voli, si dirigono alla toilette appena si imbarcano o subito dopo il decollo. Questi momenti condizionano negativamente il loro degli assistenti di volo che, proprio durante il livellamento, portano il carrello delle bevande nel corridoio dell’aereo e iniziano il proprio servizio. Pertanto, sarebbe più indicato usare il bagno del terminal prima di salire a bordo o aspettare che gli assistenti di volo porti a termine il loro servizio.

9. Non ascoltare musica o video ad alto volume

Ogni passeggero deve mettere le cuffie e non ascoltare musica o video a tutto volume per non infastidire gli altri passeggeri.

10. Non protestare per l’uso delle mascherine anti-Covid

Talvolta, i passeggeri contestano l’uso della mascherina anti-coronavirus sugli aerei. A questo proposito, Caroline Mercedes ha sottolineato: “Quando ho firmato il mio contratto di lavoro, non sono stata assunta per vigilare sulle mascherine. Ma, indipendentemente da qualsia si cosa, è il mio lavoro far rispettare la politica adottata sull’obbligatorietà delle mascherine sull’aereo finché il CDC e la Federal Aviation Administration lo richiedono durante il viaggio aereo”.

Non rispettare la politica delle compagnie aeree, potrebbe tradursi nell’impossibilità di continuare a viaggiare con una specifica compagnia in futuro.

11. Non usare il deposito per fare yoga

I passeggeri dovrebbero smettere di usare il deposito dell’aereo per fare yoga: la zona anteriore o posteriore dell’aereo è usata dagli assistenti di volo per posizionare i carrelli. Inoltre, non solo è frustrante per l’equipaggio, ma è una regola della FAA che vieta ai passeggeri di riunirsi in quelle aree.

12. Non fare confronti con altre compagnie aeree, la politica aziendale non cambierà

Riferire agli assistenti di volo le politiche messe in atto dalle altre compagnie aeree non modificherà la politica aziendale di quella con la quale si sta viaggiando.

13. Svegliare il vicino per dargli una bevanda o uno snack non è educato

Svegliare il proprio vicino per dargli uno snack o una bevanda non è educato come pensi, soprattutto se si tratta di uno sconosciuto. Se i passeggeri addormentati si sveglia dopo il passaggio dei carrelli, possono chiamare gli assistenti di volo e porre le loro richieste.

14. Si può chiedere cosa si sta sorvolando ma non avere una risposta certa

A volte, i passeggeri chiedono quali luoghi si stia sorvolando ma, nella maggior parte dei casi, gli assistenti di volo non lo sanno in quanto non hanno a disposizione una rotta prestabilita.

15. Alzarsi durante una turbolenza è sbagliato

Alzarsi durante una turbolenza è rischioso per se stessi e per tutti che vi sono intorno. Tuttavia, nel momento in cui la turbolenza sembra scemare, pare che ogni passeggero voglia alzarsi: un simile atteggiamento è tremendamente sbagliato e rischioso.

16. Non sorvegliare i propri figli genera pericolo per gli altri passeggeri e per l’equipaggio

Non sorvegliare i propri figli può essere pericoloso e scorretto sia nei confronti degli altri passeggeri che dell’equipaggio. Lasciare i propri bambini incustodito è un rischio ed è anche molto irrispettoso in considerazione del fatto che l’areo è uno spazio pubblico.

17. Sfogare le proprie frustrazioni sugli assistenti di volo è scortese

Gli assistenti di volo rappresentano la compagnia aerea ma non sono responsabili dei problemi che, di volta in volta, potrebbero verificarsi. Caroline Mercedes, infatti, ha spiegato: “Avere persone che ci urlano contro per cose che sono fuori dal nostro controllo è estenuante. Capisco che molte volte le persone hanno solo bisogno di qualcuno con cui sfogarsi, ma dovete anche capire che gli assistenti di volo sono solo i dipendenti che vedete. C’è un’enorme azienda dietro di noi che comprende persone che fanno il possibile per svolgere al meglio il loro lavoro”.

Contents.media
Ultima ora