Wall Street reagisce | Notizie.it
Wall Street reagisce
Economia

Wall Street reagisce

Chiusura d’ottava volatile a Wall Street dove comunque alla fine hanno prevalso gli acquisti. I listini hanno reagito alle flessioni accusate nelle ultime sedute nonostante permangano tensioni relative alla situazione debitoria di alcuni Paesi del Vecchio continente. Le indicazioni giunte dal Presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy circa l’accordo raggiunto dai Ministri dell’Economia e delle Finanze dell’Ue per rafforzare il patto di stabilità hanno restituito un po’ di serenità agli investitori.

Il mercato è stato sostenuto anche dal rimbalzo messo a segno dai titoli finanziari dopo l’ok del Senato alla riforma finanziar ia proposta da Barack Obama, la più importante dagli anni ’30, che ha così eliminato l’incertezza che aveva interessato finora il settore. Quest’ultimo ha tratto beneficio anche dalle voci relative ad un possibile patteggiamento da parte di Goldman Sachs in merito all’accusa di frode che le è stata recentemente mossa. Sotto pressione nelle prime battute di contrattazione, gli indici hanno ripreso quota nel corso della seduta per tornare a perdere nuovamente terreno e quindi mettere a segno un ampio recupero nel finale: il Dow Jones ha guadagnato l’1,25%, l’S&P 500 l’1,50% mentre il Nasdaq Composite ha chiuso in progresso dell’1,14%. Protagonisti, come detto, i titoli finanziari, con Jp Morgan in rialzo del 5,87% e Bank of America del 4,51%. Solo poco più indietro American Express che ha guadagnato il 3,11%. Bene anche Walt Disney (+2,75%) e Alcoa (+2,53%), così come Boeing (+2,48%) e Caterpillar (+2,42%).

Acquisti su Pfizer (+1,12%), sostenuto dall’ottimismo espresso da Jefferies che ha avviato la copertura sul titolo conuna raccomandazione d’acquisto (‘buy’) e target price fissato a 17,8 dollari.

In controtendenza Microsoft che ha ceduto un punto percentuale e così anche At&t, in calo dello 0,44%. Tra i titoli tecnologici in rally Marvell (+8,30%), grazie al positivo outlook sul trimestre in corso, nel quale la società si attende un utile adjusted compreso tra 38 e 43 centesimi di dollaro a fronte dei 36 centesimi previsti dagli analisti. Ben comprati anche Baidu.com (+4,84%), Netflix (+4,72%) e SanDisk (+4,59%). In netto calo invece Brocade (-8,69%), appesantito dall’inattesa flessione dei ricavi registrata nel primo trimestre. Male anche Dell (-6,77%) nonostante i risultati trimestrali della vigilia abbiano evidenziato utili in crescita del 52% a 441 milioni di dollari nel primo trimestre, con un risultato per azione che, al netto di alcune voci straordinarie, si è attestato a 30 centesimi, oltre il consensus, fissato a 0,27 dollari. A pesare tuttavia sul titolo è stato l’incremento inferiore alle attese segnato dal margine lordo ma anche le previsioni caute relativamente al trimestre in corso e al prossimo, nei quali le vendite dovrebbero scendere in corrispondenza con la stagionalità.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche