Walt Disney era presente in tutti i suoi cartoni: ecco la storia commovente
Lifestyle

Walt Disney era presente in tutti i suoi cartoni: ecco la storia commovente

Disney

Forse non tutti lo sanno, ma la tragedia famigliare che colpì Walt Disney era presente in tutti i suoi cartoni: ecco la storia commovente.

Avete avuto modo di notare come in quasi tutti i film a cartoni animati della Disney l’eroe o l’eroina sono entrambi orfani? Per esempio la madre di Bambi viene uccisa. Anche Dumbo perde sua mamma. Belle, Ariel e Cenerentola hanno solo il padre. Avete mai pensato che Walt Disney volesse dirci qualcosa? In realtà sì! Il celebra ideatore della casa cinematografica per bambini (ma non solo) si riferiva esattamente alla tragedia della sua vita!

Il fatto che riguarda Walt Disney avvenne nell’ormai lontano 1940. Dopo che il lavoro di Walt aveva portato grandi entrate, egli acquistò una casa per i suoi genitori. Quello era infatti il suo sogno più intimo. Quell’uomo decisamente straordinario desiderava che i suoi genitori vivessero comodamente.

Walt Disney e la tragedia famigliare

Dopo che i genitori di Walt si furono trasferiti nella nuova abitazione, essi lo chiamarono e gli dissero che avevano problemi con la caldaia. Disney mandò quindi gli operai del suo studio a sistemarla.

Il giorno dopo, però, una domestica andò a pulire la casa. In quel frangente trovò i genitori di Walt in stato di incoscienza. Chiamò subito i soccorsi e portò la coppia nel cortile di casa. Il padre di Walt si riprese, ma la madre non riuscì a sopravvivere. “Lui non ne parlava mai, nessuno lo faceva. Si sentiva personalmente responsabile,” ha raccontato Don Hahn, grande amico di Walt.

chncdhaHR0cHM6Ly9tYXJrZXRpdW0ucnUvd3AtY29udGVudC91cGxvYWRzLzIwMTcvMDMvd2FsdC1kaXNuZXlfN2EwZjUxODZlMGJlOTNiMTQ5MGJjMjcxM2JjMTI2NGQxLmpwZw==.prx.7b504a53

Considerato come uno dei principali cineasti del XX secolo, Walt Disney è riconosciuto senza dubbio di sorta come il padre dei film d’animazione. Egli ha inoltre creato Disneyland, il primo e più noto parco di divertimenti a tema. L’uomo è inoltre noto per la sua grande capacità nella narrazione di storie. Fu una grande stella televisiva e uno dei più maggiori artisti del XX secolo nel campo dell’intrattenimento. Il suo maggiore contributo sta probabilmente nell’aver elevato il rapporto fra immagine e musica. Insieme ai suoi bravissimi collaboratori, egli ha creato molti tra i personaggi più noti dei cartoni animati al mondo. Uno di loro è senza dubbio Topolino, secondo molti il suo stesso alter ego.

Walt Disney detiene ancora oggi il primato per il maggior numero di candidature di suoi film all’Oscar. Sono ben 59 in totale, di cui 22 vinti più altri 4 alla carriera. Nel 1956 ha vinto il David di Donatello come miglior produttore straniero per Lilli e il vagabondo.

Nel corso della sua carriera artistica ha vinto 26 Premi Oscar e un David di Donatello.

Alcune piccole curiosità su Walt Disney

Il cognome della famiglia di Walt è l’anglicizzazione di d’Isigny. Il nome deriva da Isigny-sur-Mer, un villaggio della Francia settentrionale dove viveva Hugues D’Isigny. Quest’ultimo, insieme al figlio Robert, si spostò in Inghilterra dove infine si stabilì. Nel 1834 due dei suoi discendenti da Liverpool si trasferirono negli Stati Uniti. Qui nel 1888 Elias Disney, loro nipote, sposò Flora Call, i futuri genitori di Walt.

chncdhaHR0cHM6Ly9tYXJrZXRpdW0ucnUvd3AtY29udGVudC91cGxvYWRzLzIwMTcvMDMvd2FsdC1kaXNuZXlfMzcwYTMwODk5MWI4NWU3ZDFkOTU1YThiYjEwMmIxYzUuanBn.prx.8a826110

Il primo cartone animato a colori prodotto dalla Disney è stato Silly Symphony, Flowers and Trees , in bianco e nero. Disney ottiene poi l’esclusiva di due anni sul procedimento a colori. Nel 1932 Flower and Trees vinse il primo Oscar del cinema dell’Academy Award come migliore cortometraggio con i cartoni animati. Lo stesso anno Walt ricevette un altro Oscar ad honorem per la creazione di Topolino, la cui serie divenne a colori nel 1935. Disney lanciò poi in rapida successione altre serie, che ruotavano intorno ai personaggi di Paperino e Pluto. E da lì, la storia prese il via…

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche