Web Marketing Festival: il digitale che cambia la società
Web Marketing Festival: il digitale che cambia la società
Economia

Web Marketing Festival: il digitale che cambia la società

Web marketing festival 2018

Il tema della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione sarà ampiamente trattato durante il Web Marketing Festival, a Rimini tra 21 e 23 giugno.

La sesta edizione del Web Marketing Festival si svolgerà per la prima volta su 3 giorni, dal 21 al 23 giugno 2018, al Palacongressi di Rimini. Si tratta di un evento dedicato ai cambiamenti che le innovazioni dell’era digitale stanno portando, soprattutto nel mondo del lavoro. Il festival ospiterà più di 50 eventi interni e 200 ospiti, tra i quali membri di aziende e associazioni leader del settore informatico anche a livello internazionale. Tra i diversi argomenti trattati nell’ambito del Web Marketing Festival spicca il tema della capacità di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione italiana.

Il Web Marketing Festival per Andrea Lamperti

L’analisi di mercato svolta da Andrea Lamperti, occupato presso gli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, riporta dati significativi sulla pervasività di internet e del web nella vita quotidiana. Il Direttore dell’Osservatorio Internet Media presenterà in Sala Plenaria i risultati delle analisi di mercato svolte dal suo team.

Come lo stesso Lamperti ha dichiarato per l’ufficio stampa del Web Marketing Festival, l’acquisto di servizi e prodotti avviene per il 6% del totale via web.

Nel corso degli ultimi 4 anni la spesa complessiva avvenuta online è raddoppiata e supererà i 27 miliardi di euro entro fine 2018. Un altro dato significativo emerso dalle ricerche di Andrea Lamperti riguarda la vertiginosa crescita della spesa dei consumatori per servizi di abbonamento online legati all’informazione e all’intrattenimento: più di 200 milioni di euro all’anno spesi su siti che offrono news, video e musica. Le indagini di Lamperti sottolineano l’ingerenza crescente di Internet e del digitale.

Il processo di trasformazione digitale che stiamo vivendo coinvolge diversi aspetti del mondo del lavoro, che ha quindi il compito di mantenersi al passo di tali cambiamenti. Le innovazioni digitali investono anche il settore della Pubblica Amministrazione che, in questi anni, ha lavorato per digitalizzare i propri canali di comunicazione con i cittadini. Il Team per la Trasformazione Digitale del Governo Italiano sarà presente in Sala Plenaria proprio per parlare dell’incarico svolto in questi anni per informatizzare i servizi della Pubblica Amministrazione.

L’innovazione digitale incontra la burocrazia amministrativa

Da un’indagine svolta dal Web Markeing Festival in collaborazione con Search On Media Group emerge però che non tutta la Pubblica Amministrazione si è dimostrata capace di mantenersi al passo delle innovazione del digitale.

Sono stati esaminati 7954 siti ufficiali di comuni italiani (aggiornati a febbraio 2018), prendendo in analisi 3 ambiti principali: la velocità di caricamento del sito, la compatibilità mobile e l’utilizzo dell’HTTPS.

Il 45,19% dei siti analizzati (ossia 3583 su 7928) offrono all’utente web la visualizzazione del primo contenuto della prima pagina dopo 4 secondi e, di questi 480, dopo 10 secondi, costringendo così il cittadino a un’attesa fuori dagli standard.

Inoltre il 54.3% dei siti presi in considerazione (4303 su 7954) non è Mobile Friendly e non dà quindi la possibilità agli utenti di accedere al sito da un dispositivo mobile in una versione funzionale e compatibile.

I dati più sconcertanti riguardano la massiccia assenza dei comuni italiani dai social: solo 1672 comuni, il 21,02% del totale, hanno una pagina Facebook; 480 (6,03%) hanno un profilo Twitter e 131 (1,64%) hanno un profilo Instagram. Anche i dati che riguardano la sicurezza dei siti ufficiali non sono rassicurati: solo il 4,52% dei siti presi in esame (360 su 7592) usa l’HTTPS per proteggere la comunicazione tra l’utente e il sito web. Il restante 95,48% dei siti non ha l’HTTPS e verrà per questo, a partire da luglio, segnalato da Google Chrome come “non sicuro“.

La riflessione del chairman Cosmano Lombardo

Come riportato sui comunicati stampa del Web Marketing Festival, il Chairman Cosmano Lombardo riflettendo su questi dati afferma:

Si evince, dunque, che i Comuni italiani debbano attrezzarsi per comunicare con i cittadini adeguando i propri siti agli standard riconosciuti.

Per poter innovare realmente il Paese, quindi, è necessario favorire e facilitare la comunicazione tra i cittadini e i Comuni: questo processo passa inevitabilmente attraverso un utilizzo corretto degli strumenti digitali.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche